Thursday, March 13, 2008

Oltre il porto il nulla


Nicola Fratino, sindaco (a tempo perso?) di Ortona compare sulla stampa locale solo in due occasioni, quando si parla di Centro Oli e quando si parla di porto di Ortona e del suo sviluppo. In realta', visto che il Centro Oli andrebbe comunque ad incidere sulle attivita' portuali, il suo unico chiodo fisso e' il porto. Siamo preplessi ma non sorpresi visto che e' titolare della www.Fratino.com. Che faccia i suoi interessi ? Che si tratti di un caso di si arrangi chi puo', e lui puo'? Ognuno risponda come crede.

Ieri D'Alfonso ha proposto di istituire una agenzia regionale portuale (da Il Messaggero) e oggi fratino dice: «Anche Ortona - dice - ha una proposta di legge relativa ai sistemi portuali da sottoporre al presidente della Regione Ottaviano Del Turco».

E continua (da Il Messaggero): «Non si tratta di campanilismo, è indubbio che il porto di Ortona risulta essere da tempo tra gli obiettivi strategici per lo sviluppo della nostra regione. Per non vanificare gli investimenti fatti per potenziare il nostro bacino portuale è opportuno che Ortona conservi il ruolo che le compete. Il Piano Nazionale dei Trasporti prevede l'istituzione dei Sistemi Portuali che hanno una prospettiva più ampia rispetto all'agenzia portuale regionale e proprio in un'ottica di sviluppo della nostra regione avanziamo la nostra proposta di legge». Un po' oscuro per chi non ne capisce nulla di porti come me.

Per mia fortuna c'e' il braccio destro di Fratino, o sinistro, o entrambi.
Di Martino va la punto e dice:
«Ortona ha già lo strumento per diventare porto nazionale ovvero la STU strumento che Pescara non ha ancora.»

Adesso ci sono, questi del porto regionale non sanno che farsene, vogliono essere porto nazionale.

Non ci sarebbe nulla di male, ma possibile che www.Fratino.com si ricordi di essere sindaco solo quando si parla del porto? Ad Ortona non c'e' nulla da fare? E' tutto qui il progetto politico per Ortona? Perche' non parlano di aiutare le cantine sociali a promuovere il loro marchio nel mondo?
Una bottiglia della cantina Dragani negli States si vende a 5$. I vini fatti in Croazia costano di piu'. I vini cinesi al piu' presto arriveranno sul mercato se nessuno se ne e' accorto.

E l'olio perche' non viene imbottigliato? Perche' finisce nei negozi sotto etichette di altre regioni o nazioni? Parlo di Olio di Oliva, non fare il furbo Fratino. L'Eni non conta come industria per l'imbottigliamento, anche perche' quelli sono barili.

Il mio post precedente su www.fratino.com e' qui.

2 comments:

maria rita said...

e' tristissimo, e vero. L'olio d'oliva abruzzese e' forse il migliore del mondo e non sappiamo valorizzarlo. Il vino, buono, celebrato nel mondo e che prende premi, poterbbe essere una fonte di ricchezza molto piu' trainante se solo sapessimo valorizzarlo ancora meglio.

Ci vorrebbe una forte campagna pubblicitaria a livello regionale per promuovere tutto quello che abbiamo - dal cibo, alla montagna, al mare.

Ma questi governanti hanno altre cose a cui pensare: il proprio portafoglio e
la propria poltrona.

Anonymous said...

Ma quando ci libereremo di questi quattro cialtroni?
Giorgio