Wednesday, May 28, 2008

Bussi: a chi mandiamo il conto ?


Per bonificare l'area di Bussi serviranno milioni di euro.

Una sola domanda: Chi paga il conto ?
L'unica risposta possibile: Edison SpA

Le vicende della Montedison sono abbastanza complicate da ricostruire per via di intrecci con politica e non solo. Ricostruire la storia di Montedison vuol dire ricostruire una storia che passa per la onnipresente Mediobanca, Ferruzzi, Gardini, Eni, IRI, Fondiaria e ancora di piu'.

Quello che pero' dovrebbe importare di piu' per le sorti dell'Abruzzo e' che nell'estate 2001 Italenergia (Fiat, EdF, Tassara, Banca Roma, Banca Intesa, San Paolo) lancia un' OPA su Montedison e su Edison, acquisendone il controllo. Nel 2002 la fusione tra Montedison, Edison, Sondel e Fiat Energia dà vita ad una nuova società che mantiene il nome di Edison (Fonte: www.edison.it).

Alla Edison fanno gli indifferenti, o quasi, sulla faccenda di Bussi. Nell'ultimo report trimestrale alla borsa del 31 Marzo 2008, nella sezione sulle principali vertenze si legge:

B) Altre società del Gruppo
Montedison Srl - Area di Bussi sul Tirino (Pe)
Il Commissario delegato alla realizzazione di interventi urgenti di caratterizzazione, messa in sicurezza e bonifica del bacino del fiume Aterno, in località Bussi sul Tirino, sul quale insiste da oltre un secolo l’insediamento industriale da ultimo esercito da Ausimont Spa, ceduta nel 2002 a Solvay Solexis Spa (società controllata da Solvay Sa), ha intimato a Montedison Srl, proprietaria di una porzione di terreno limitrofo al predetto stabilimento, la predisposizione di un piano di caratterizzazione dell’area, l’avvio della messa in sicurezza d’emergenza e la presentazione all’Ufficio Commissariale di un progetto di bonifica del suolo e della falda. In merito a tale atto, la Società sta valutando le azioni da intraprendere per meglio tutelare la propria posizione.

E' interessante come nella prima parte tengono a specificare che si, c'è' una fabbrica chimica nella zona, ma loro ora non hanno nulla a che vedere. Sembra quasi una coincidenza che loro abbiano un terreno li vicino.

Il pm Aldo Aceto pero' e' di diverso avviso e ritiene che Montedison ne sappia qualcosa tant'e' che ha indagato una valanga di persone in area Montedison (Fonte: PrimaDaNoi.it):

Guido Angiolini, amministratore delegato pro tempore di Montedison (2001-2003) e di "Servizi Immobiliari Montedison Spa" e "Come Iniziative Immobiliari Srl"
Carlo Cogliati, amministratore delegato pro tempore di Ausimont;
Salvatore Boncoraglio, responsabile Pas della sede centrale di Milano
Nicola Sabatini, vice direttore pro tempore della Montedison di Bussi (1963-1975)
Nazzareno Santini, direttore pro tempore della Montedison/Auusimont di Bussi (1985-1992)
Carlo Vassallo, direttore pro tempore dello stabilimento Montedison/Ausimont di Bussi (1992-1997)
Domenico Alleva, responsabile tecnico della terza discarica;
Luigi Guarracino, direttore pro tempore dello stabilimento Montedison/Ausimont di Bussi (1997-2002)
Giancarlo Morelli, responsabile Pas (Protezione ambientale e sicurezza) dello stabilimento Montedison/Ausimont di Bussi (1997-2001)
Camillo Di Paolo (responsabile protezione ambientale e sicurezza Bussi)
Maurilio Aguggia (responsabile protezione ambientale e sicurezza sede centrale Milano)
Leonardo Capogrosso (coordinatore dei responsabili dei servizi di protezione ambientale)
Giuseppe Quaglia (responsabile laboratorio controllo e analisi stabilimento di Bussi)
Maurizio Piazzardi (perito chimico)
Giorgio Canti (responsabile protezione ambientale e sicurezza)
Luigi Furlani (responsabile protezione e sicurezza ambientale)
Alessandro Masotti (responsabile sicurezza ambientale)
Bruno Parodi (responsabile sicurezza ambientale)
Bruno Migliora (manager Montedison/Ausimont)


I comuni della Val pescara che sono stati avvelenati dall'acqua cosa aspettano a mettersi insieme a a denunciare la Edison per risarcimento danni ? La Edison ha avuto un risultato netto nel 2007 di 517 Milioni di euro e sono quindi in grado di pagare le spese di bonifica e di risarcimento danni a tutti i cittadini della Val Pescara. Forza e coraggio signori sindaci, passerete alla storia come i comuni hanno messo in ginocchio la Edison SpA, potete fare la storia d'Italia e non solo.

2 comments:

maria rita said...

qui veramente ci vuole la class action.
e' uno scandalo - nei paesi piu civili per molto meno ti danno l'ergastolo.

non e' giusto

Anonymous said...

Avvocati spero che vi diate una
mossa:c!è molto pane per i vostri
denti.AVANTI DUNQUE....