Monday, July 21, 2008

I pro e contro del centro oli

(Foto: possibile veduta futura di Ortona)

Sono stato in Italia per 2 settimane e ho assistito con piacere a qualche iniziativa di Maria Rita e del Comitato Natura Verde. Ho avuto modo di conoscere un po' delle persone che si stanno dando da fare per cercare di fermare il suicidio della Regione Abruzzo. La politica regionale nel frattempo si e' già auto-disintegrata, la procura ha fatto le pulizie estive e ce ne era bisogna vista la puzza che emanavano certi personaggi. Speriamo solo che non si fermino alla sanità e che sia solo l'inizio.
Ho notato con piacere che non c'era un cittadino sorpreso per gli arresti e le accuse mentre i politici, a partire dal grande capo supremo che più invecchia più gli crescono i capelli, si sono tutti 'armandati' (=ricoperti) tra di loro.

Mentre ero in Italia ho sentito una serie di cavolate megagalattiche da un po' di 'ndundiniti' che supportano la raffineria, alcune cose che mi ricordo le riscrivo qui, facendo una lista di pro e contro del centro oli.

Il centro oli/raffineria porta lavoro
FALSO Al centro oli lavoreranno poche persone paragonate alle decine di migliaia di persone e relative famiglie che vivono di agricoltura.

E' il progresso. Non si può fermare.
FALSO. Una raffineria in un centro abitato non e' progresso, e' regresso. Il petrolio poteva essere spacciato per progresso 50 anni fa. Certi politi devono aggiornarsi se sono ancora rimasti a quella nozione.

Serve estrarre più petrolio perché la benzina costa troppo.
FALSO. Anche se estraessimo tutto il petrolio d'Abruzzo il prezzo al litro della benzina non cambierebbe. Il petrolio d'Abruzzo e' talmente poco che non incide sul prezzo della benzina. L'unica che ci guadagna e' l'Eni. Gli unici che controllano il prezzo sono i produttori arabi.

Il centro Oli e' sicuro perché rispetta i limiti di legge.
FALSO I limiti di legge italiani per l'idrogeno solforato sono 6000 volte superiori a quelli raccomandati dall'organizzazione mondiale della sanità quindi la raffineria non e' sicura. I limiti di legge italiani sono fatti per proteggere i petrolieri, non i cittadini.

Ortona acquisterà importanza, soprattutto per via del porto.
FALSO Il porto di Ortona diventerà un porto per il petrolchimico. Questo non ha nulla a che vedere con un porto turistico. Non si e' mai visto un porto turistico con bambini che giocano vicino alle petroliere. Le due cose sono incompatibili.
Gli unici che ci guadagnano dal porto sono gli operatori mercantili, tra cui il sindaco Fratino di Ortona.

"Voi fate politica"
FALSO Questa l'accusa lanciata dal sindaco di Guardiagrele a Maria Rita e al comitato natura verde a Orsogna durante una serata informativa. Era lo spazio per le domande ma alla fine ha fatto un comizio solo lui. Si e' attaccato all'etimologia della parola dal latino per trarre una simile conclusione.
Io ho visto solo gente che ha un altro lavoro, un altra vita e che deve sacrificare il proprio tempo e i propri affetti perche' si sono resi conto che coloro preposti a farlo, cioè i politici che paghiamo molto bene, se ne fregano o fanno finta di interessarsi solo quando chiamati per fare bella figura.

Beh avevo detto che avrei scritto i pro e contro, mi sono sbagliato, non ci sono pro ma solo contro.

No comments: