Monday, December 21, 2009

Arriva il mostro Ombrina

Il 3 Dicembre la MOG ha sottomesso la Valutazione di Impatto Ambientale al ministero dell'Ambiente per Ombrina Mare (d30 BC MD), il mostro davanti a San Vito/Ortona. Vogliono mettere una piattaforma dove hanno già scavato prima e fare altri 4 pozzi per estrarre petrolio e gas. Se non ricordo male non erano più di 5km dalla costa.

Questa concessione non e' per la ricerca ma per la produzione. Se gli accordano il permesso, rimangono li per i prossimi 20-30 anni, e probabilmente con desulfuratore incorporato visto che a terra il centro oli non c'e'. Maggiori dettagli li sapremo dopo che avremo visto le carte.

La MOG conta di avere l'approvazione dal ministero entro luglio-agosto 2010, e avere la concessione entro la fine del 2010.



---------------------------

http://www.investegate.co.uk/Article.aspx?id=200912040700055809D

On 3 December 2009, the Company submitted the Environmental Impact Assessment Study ("EIAS") to the Italian Ministry of Environment. This submission follows the technical approval of the Ombrina Mare Field Development Plan by the CIRM committee of the Ministry of Environment, issued on 23 June 2009. MOG aims to have completed the environmental approval process by the third quarter of 2010, and is targeting the final grant of the full production licence by the end of 2010.




In addition, the Company remains on schedule with the execution of several key post-drilling technical studies. Initial results of these studies are encouraging and MOG is pleased to announce that it is planning to request a review and update of the independent certification of the field's oil reserves. The Company intends to publish the full certification report in the first quarter of 2010.




Background on Ombrina Mare Production Concession Application (d30 BC MD):




The application for the production concession to permit development of the Ombrina Mare Oil & Gas Field was submitted on 17 December 2008. It covers an offshore area of approximately 100 sq.km. in the central Adriatic Sea.




The Ombrina Mare field development plan ("FDP") has been designed by Proger SpA to produce the field's 20 MMbbls and 6.5 Bcf of certified 2P oil and gas reserves.




Oil is trapped in a Miocene and Cretaceous carbonate platform reservoir and gas is trapped in 16 reservoir horizons in the middle-upper Pliocene gas sands complex. The OM2dir well produced 17-19 °API oil at a rate of approximately 1,000 bbls/d, without any formation water. The OM2dir well was completed as an oil producer and a temporary platform has been put in place.




The proposed development plan comprises:




A single production platform at the OM2dir temporary platform location;

5 development wells (including the already completed and suspended oil producer OM2dir), two of which will have double completion for oil and gas;
1 FPSO plant designed for maximum oil production of 10,000 bbls/d and to store up to 50,000 tonnes of oil; and
A 12km submarine gas pipeline to connect gas produced from the Ombrina Mare area to an existing offshore gas production plant.



The current estimated capital expenditure for the FDP amounts to between €150 and €180 million, based on prices prevailing in 2008.




Under the FDP, gross oil and gas production from the main Ombrina Mare field is targeted to progressively increase to a peak of 5,000 to 7,500 bbls/d of oil and 3.5 MMcf/d of gas. In the Company's development scenario, production is now scheduled to start in late 2012 once all of the development wells have been drilled and the production facilities are in place.




An additional and contingent development plan has also been submitted in the application for the oil and gas production concession. This plan is directed at obtaining the approvals to appraise and explore the additional contingent and prospective oil and gas resources identified inside the Ombrina Mare production concession area and will be implemented once the main field is in production.

----------------------

http://www.smallcapnews.co.uk/article/Mediterranean_Oil_Gas_sets_sights_on_Guendalina_and_Ombrina_Mare/7952.aspx

Mediterranean Oil & Gas, the central Mediterranean-focused exploration and production group, today said it was hoping to get its hands on a production licence for the Ombrina Mare Oil & Gas Field by the end of 2010.

Mediterranean is chasing 2P reserves of 20 million barrels of oil and 6.5 billion cubic feet of gas on the 100%-owned, 100 sq km Ombrina offshore block in the central Adriatic Sea. It is hoping to have cleared the environmental approvals for its €150-€180 million field development plan by the third quarter of 2010.

At the Guendalina Gas Field, where Mediterranean holds a 20% stake and ENI holds 80%, the company is expecting government authorities to issue the Guendalina production concession by the year-end 2009. After that, field development activities should begin in January 2010.

Construction and installation of the production platform at Guendalina is scheduled to be completed in 2010; while the drilling of two development wells is planned in the first half of 2011, with gas production and associated revenues expected to commence prior to the end of June 2011.

Sergio Morandi, Mediterranean’s chief executive, said: “Guendalina and Ombrina Mare continue to produce excellent milestones that are propelling us towards our goal of becoming a medium sized oil and gas producer. In addition, the expected award by year-end 2009 of the Guendalina production concession allows the company to consolidate the development timetable and the forecast start-up of field production. The field's gas production will allow MOG to triple its current annual rate of net gas production.”

Elsewhere, Mediterranean and its joint venture partners, ENI and Total have decided to postpone until 2011the drilling schedule for the Monte Grosso 2 exploration well on the S.S. Bernardo permit in Italy.

At the S. Andrea Concession in Italy, where Mediterranean has a 40% stake and operates the Anzano gas field development project, the Anzano 1 production well is expected to begin gas production by the first quarter of 2010.

Finally, as part of a recent exploration portfolio review, Mediterranean said it now intended to relinquish or release a total of eight exploration permits in Italy and Tunisia.



-------------------------------

http://www.ibtimes.co.uk/articles/20091204/mediterranean-oil-gas-aims-to-triple-gas-production.htm

Mediterranean Oil & Gas hopes to triple its current gas production after the Italian economic development ministry issues a production concession for the Guendalina gas field.


The company expects to receive the concession by the end of this month and ENI, its 80% partner and operator, to start field development activities in January.

Construction and installation of the production platform is scheduled to be completed in 2010 and drilling of two development wells is planned for the first half of 2011.

Gas production and associated revenues are expected to begin before the end of June 2011.

MOG has also submitted an environmental impact study for the Ombrina Mare oil and gas field, where it is the 100% owner and operator. It is targeting the final grant of a full production licence by the end of 2010.

CEO Sergio Morandi said, 'Guendalina and Ombrina Mare continue to produce excellent milestones that are propelling us towards our goal of becoming a medium-sized oil and gas producer.

'In addition, the expected award by year-end 2009 of the Guendalina production concession allows the company to consolidate the development timetable and the forecast start-up of field production.

'The field's gas production will allow MOG to triple its current annual rate of net gas production.'



--------------------------------

http://www.proactiveinvestors.co.uk/companies/news/10982/mediterranean-oil-gas-to-update-ombrina-mare-reserves-after-encouraging-post-drill-study-results-10982.html

Mediterranean Oil & Gas (AIM: MOG) said its key projects in Italy made progress and reached new milestones, expecting to update the certification of the oil reserves at Ombrina Mare in early 2010 and secure a production concession for the Guendalina gas field by year-end.


MOG aiming to wrap up the environmental approval process for Ombrina Mare by the third quarter of 2010 and secure the full production license by the end of that year after submitting the environmental impact assessment study to the Ministry of Environment. Results from the currently ongoing several key post-drilling studies have been encouraging and MOG currently plans to request a review and update of the independent certification of the field’s oil reserves and publish the full certification report in Q1 2010.


The current estimated capex (capital expenditure) for the Ombrina Mare field development plan (FDP), which includes a total of five wells, a plant designed for oil production of 10,000 bbls/d (barrels per day) and a 12 km (kilometre) submarine gas pipeline, stands at between €150 and €180 million.


The Ombrina Mare FDP has been designed by Proger SpA to produce the field's 20 MMbbls (million barrels) and 6.5 Bcf (billion cubic feet) of certified 2P oil and gas reserves. Production is scheduled to start in 2012 and is expected to peak at 5,000 to 7,500 bbls/d of oil and 3.5 mmcf/d (million cubic feet per day) of gas.


Meanwhile, at Guendalina, a production concession from the Italian Ministry of Economic Development for MOG’s 20% owned Guendalina gas field is now expected by year-end 2009 with field development activities expected to start as soon as January 2010. The drilling of two development wells is slated for H1 2011, with gas production and associated revenues expected to commence prior to the end of June 2011.


Based on the study completed by Italian oil and gas giant ENI SpA (NYSE: E), which owns an 80% working interest in the field, the aggregate gas production from the field is expected to be 22 mmcf/d. The field has independently certified gas reserves of 22 bcf (billion cubic feet).


“Guendalina and Ombrina Mare continue to produce excellent milestones that are propelling us towards our goal of becoming a medium sized oil and gas producer. In addition, the expected award by year-end 2009 of the Guendalina production concession allows the Company to consolidate the development timetable and the forecast start-up of field production,” said Chairman and Chief Executive of MOG Sergio Morandi.


MOG has also provided updates from its two other projects, the 22.89% owned S.S. Bernardo permit, where the company and its JV (joint venture) partners ENI and Total postponed the drilling schedule for the MG (Monte Grosso) 2 exploration well to 2011 due to the unavailability of the EMSCO 3 rig. Site maintenance works are now planned for 2010 to prepare it for a well spud in 2011.


The Monto Grosso prospect has an expected oil resource of 64 mmbbls (million barrels) net to the company and gross resources of 280 mmbbls.


The Anzano 1 production well inside the MOG operated and 40% owned S. Andrea Concession is expected to commence gas production by Q1 2010. Under the field development plan, gross gas production at Anzano 1 is targeted to increase to a peak of 7,000 - 8,000 scm/day (standard cubic metres per day) with 2,800 to 3,200 scm/d net to MOG.


The company is currently reviewing its existing exploration portfolio to identify exploration permits with high risk and limited resource potential. MOG intends to relinquish or release a total of eight exploration permits in Italy and Tunisia following the review.

Friday, December 11, 2009

Invito a Son'ora




Dal 12 al 27 Dicembre si terrà a Sulmona (Aq) e in alcuni paesi della Valle Peligna un’iniziativa denominata Son’Ora, promossa dall’associazione culturale Zero-live, in collaborazione con la cooperativa sociale Nuovi orizzonti sociali.

La manifestazione è organizzata e programmata da un tavolo partecipato composto da ventidue associazioni locali ed è sostenuta da: Regione Abruzzo, Provincia di L’Aquila, Comunità Montana Peligna, Comune di Sulmona, Agenzia Promozione Culturale di Sulmona, Fondazione Carispaq, Cassa di Risparmio Provincia dell’Aquila.

Son’Ora è un progetto di ampio respiro che intende sostenere e promuovere la partecipazione attiva dei giovani e il dialogo tra associazioni della Valle Peligna. È un invito alla partecipazione, all’incontro, all’informazione dei cittadini su tematiche ambientali locali e globali, dove anche gli aspetti sociali e culturali si inseriscono, inevitabilmente.

Son’Ora è un contributo alla coscienza e alla conoscenza.

Le numerose attività previste nel programma sono riconducibili a tre settori-contenitori che abbiamo chiamato:

* Scolasticambiente: percorsi didattici e di laboratorio per le scuole.
* Approfonditambiente: ciclo di incontri pubblici dai contenuti scientifico-divulgativi.
* Festivambiente: feste popolari denominate Ronde della gioia (nei Comuni di Pratola Peligna, Corfinio, Anversa degli Abruzzi e Bugnara)

Guardiamo le scuole come il principale punto di partenza per sensibilizzare i bambini e i ragazzi sulle tematiche ambientali e in particolar modo sul risparmio energetico, le fonti rinnovabili e il riciclaggio dei rifiuti.

La mostra di didattica ambientale M.i.d.a., il Mario Negri Sud Officina, lo staff Son’Ora Lab. e il gruppo teatrale InCanto stimoleranno le scolaresche con percorsi didattici, proiezioni, laboratori artistici e improvvisazioni teatrali.

Per quanto riguarda il secondo “contenitore”, quello di approfondimento, parteciperanno all’iniziativa, con propri interventi tematici, importanti nomi d’ambito scientifico come: Giovanni Tognoni (Direttore Consorzio Mario Negri Sud), Tommaso Pagliani (Responsabile del Dipartimento di Scienze ambientali del Consorzio Mario Negri Sud), Antonio Moretti (Docente di geologia regionale e sismotettonica presso l’Università dell’Aquila), Maria Rita D’Orsogna (Ricercatrice presso la California State University di Los Angeles).

Saranno anche presenti esperti di settore e professionisti come Mauro Latini, Alessio Ciacci, Oreste Federico, Renato Di Nicola, Roberto Ranalli, Mariella Di Lallo. Interverranno inoltre i rappresentanti delle Istituzioni Teresa Nannarone, Antonio Carrara, Mauro Tirabassi.

Proiezioni:

o Oil, di Massimiliano Mazzotta, film.
o La petrolizzazione in Abruzzo, di Maria Rita D’Orsogna, docuclip.
o Il futuro dell’Abruzzo, video Vanguard Current tv.

(in collaborazione con Agenzia 21, Associazione internazionale medici per l’ambiente, Arci, Casa per la Pace, Comitati cittadini per l’ambiente, Cittadinanzattiva - Tribunale del malato)

Saranno inoltre aperte al pubblico, dal 15 al 19 dicembre, la mostra di didattica ambientale M.i.d.a., la postazione informativa allestita dalla locale Agenzia per la promozione culturale, la mostra di arti visive rassegnARTI?, il mercatino Bio e la Bottequa.

Il terzo aspetto, quello più ludico e creativo è corredato da numerose e articolate attività mirate all’animazione culturale di alcuni paesi come Pratola Peligna, Anversa degli Abruzzi, Bugnara e Corfinio.

Le attività proposte possono sinteticamente riassumersi in:

* feste popolari con danze e musica tradizionale abruzzese, teatro, animazione per bambini, mercato contadino;
* rassegna rock Emissioni sonore;
* mostra del giocattolo di tradizione I percorsi della memoria;
* concorso video-fotografico per under 19 Ri-scatta il territorio;
* corsi di danza tradizionale abruzzese;
* concerto del gruppo Marta sui tubi.

(in collaborazione con Movimento Zoe, Giro di vento, Sulmonacinema, Fantacadabra, Horizon service, Nuove Frontiere)




Son’Ora

12-27 dicembre 2009






Calendario

Dal 12 Novembre: Concorso video-fotografico under 19 Ri-scatta il Territorio, info sonooora@gmail.com.

Dal 26 Novembre:Corsi di danza tradizionale abruzzese, Anversa degli Abruzzi e Bugnara. Info: www.movimentozoe.com .


Scolasticambiente
per scuole elementari e medie
Martedì 15 – Mercoledì 16 - Giovedì 17 dicembre


Cinema Pacifico, Sulmona, h 9-13/14-16:

* Mario Negri Sud Officina: Microcosmo albero, conversazione scientifico-divulgativa su ambiente e bio-diversità con Federica Piccoli, ricercatrice, Centro di Scienze Ambientali Mario Negri Sud.
* Per fare un albero ci vuole un bimbo.

Ambientazione teatrale introduttiva al film. A cura di Gruppo Incanto.

* Mario Negri Sud Officina: Proiezione del film di animazione L’uomo che piantava gli alberi di Frederic Back.
* Visita guidata M.I.D.A. – Mostra itinerante di didattica ambientale.

La mostra si propone come uno strumento per la sperimentazione concreta delle tematiche legate al risparmio energetico, all’uso delle fonti energetiche rinnovabili e alla riduzione dell’impatto ambientale delle attività umane.


Centro Giovani, via dei Sangro, Sulmona,h 9-13/14.30 16:


L’altra vita degli oggetti. L’utilizzo degli oggetti di uso quotidiano nelle opere d’arte ed il loro ri-uso creativamente consapevole.

Lezione-laboratorio finalizzato alla costruzione di opere con oggetti di riciclo.

A cura di Cinzia Curini, Paola Pascale, Benedetta Daniele.



Approfonditambiente
Da Martedì 15 a Venerdì 18 dicembre
Cinema Pacifico, Sulmona

Martedì 15 dicembre, h. 17.30:
Incontro pubblico: Tutela ambientale in Valle Peligna:che aria tira?
Introduzione di Mario Pizzola, Comitati cittadini per l’ambiente

Relatori:
* Tommaso Pagliani , Responsabile del Centro di Scienze Ambientali del Consorzio Mario Negri Sud: Presentazione di un modello di studio per il monitoraggio ambientale e sanitario della qualità dell’aria nella Valle Peligna.
* Roberto Ranalli, Medico ospedaliero Oncoematologo: Attività ed industrie insalubri: quali rischi per l’ambiente e la salute nella Valle Peligna.
* Interventi degli amministratori locali: Teresa Nannarone Assessore Promozione Sociale e Turismo Provincia dell’Aquila; Antonio Carrara Presidente Comunità Montana Peligna; Mauro Tirabassi Assessore all’Ambiente Comune di Sulmona.

Mercoledi 16 dicembre,
h. 16.30
: Docuclip a cura di Maria Rita D’Orsogna, Ricercatrice presso la California State University di Los Angeles, USA.

h. 17.30: Incontro pubblico: Sismicità e Sicurezza del territorio
Introduzione di Antonio Franciosa e Riccardo Verrocchi, Comitati cittadini per l’ambiente e Circolo Arci Maurizio Padula.

Relatori:
* Antonio Moretti, Docente di Geologia regionale e sismotettonica dell'Università dell'Aquila:
Il rischio sismico nell’Appennino e nella Valle Peligna: quale prevenzione per la sicurezza delle popolazioni?
* Renato Di Nicola, Portavoce Abruzzo Social Forum: Ricostruzione mediatica e sospensione della democrazia: dal terremoto dell’Aquila un modello per la gestione delle catastrofi.

Giovedi 17 dicembre h. 17.30:

Incontro pubblico: Cittadini Domani…lavori in corso. Regole e legalità. Progetto e laboratorio di dialogo delle scuole, per e con la società.
Introduzione di Pasquale Iannamorelli, Casa per la Pace.

Relatori:
* Giovanni Tognoni, Direttore del Consorzio Mario Negri Sud e Segretario del Tribunale Permanente dei Popoli;
* Mariella di Lallo, Insegnante di Chimica presso l’Istituto Tecnico Commerciale E. Fermi, Lanciano;


Venerdì 18 Dicembre h. 17:30:
Incontro pubblico: Sostenibilità: dai principi alla realizzazione
Introduzione di Nicola Trinchini e Chiara Maiorano, Agenzia 21 per lo sviluppo sostenibile, Sulmona.

Relatori
* Mauro Latini, Coordinatore regionale Programma Agenda 21 Abruzzo:In cammino verso una società sostenibile;
* Alessio Ciacci Assessore all’Ambiente di Capannori (Lu) e Vicepresidente Città Virtuose: Le buone pratiche degli Enti locali per lo sviluppo sostenibile;
* Oreste Federico, Responsabile funzione sviluppo Co.ge.sa. s.r.l: Lo smaltimento delle convinzioni ed il recupero dei materiali.


Da Martedì 15 a Venerdì 18 dicembre
Cinema Pacifico, Sulmona, h 9-20:30:

# LiberAmbiente, mostra libraria e di risorse elettroniche, a cura dell’ Agenzia per la Promozione Culturale
# rassegnARTI?, mostra d’arte contemporanea a cura di Marco Maiorano;
* h 16.30 caffé solidale e docuclip tematico di pre-conferenza
* M.i.d.a. Mostra di didattica ambientale
* Aperitivo solidale
* Mercatino Bio
* Tricot Plastique, laboratorio di creazioni all’uncinetto con l’utilizzo delle buste di plastica.





Festivambiente

Sabato 12 dicembre: Pratola Peligna – Street by street
In collaborazione con Nuove frontiere

Sabato 19 Dicembre: Emissioni sonore rassegna rock
In collaborazione con Ass. Cult. Giro di Vento. Cinema Pacifico, Sulmona




La Ronda della gioia

Domenica 20 dicembre: Anversa degli Abruzzi
Lunedì 21 Dicembre: Bugnara
Mercoledì 23 dicembre: Corfinio

Da mattina a sera:
* Laboratori e workshop;
* Mercato contadino e artigianale;
* Enogastronomia e prodotti tipici;
* Teatro;
* Musica e danza tradizionale abruzzese;
* Mostra del giocattolo di tradizione: I Percorsi della Memoria,

dal 17 al 20 Dicembre presso il Comune di Anversa degli Abruzzi, a cura di Horizon Service.

In collaborazione con Movimento Zoe, Zero-Live, Fantacadabra.
* QUANTO COSTA AGLI ALTRI IL NOSTRO TENORE DI VITA!
Durante la manifestazione Son’Ora saranno allestite biciclette connesse a generatori di corrente dove ognuno potrà testare (pedalando) la propria capacità di produzione energetica. A cura di Paolino Boldone


L’Abruzzo petrolizzato
Giornata conclusiva
Domenica 27 Dicembre – Sulmona
Cinema Pacifico

Dalle ore 17.30:
* Premiazione concorso video-fotografico “Ri-scatta il territorio” e proiezione delle opere selezionate;
* Proiezione del film-documentario Oil.
* A seguire incontro con il Regista Massimiliano Mazzotta e con Maria Rita D’Orsogna, ricercatrice presso la California State University di Los Angeles, USA.
* Concerto: Marta sui tubi (ingr. 10 euro)




Contatti: sonooora@gmail.com / +39 340 7066402.

Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito, tranne il concerto finale.

Monday, December 7, 2009

Legambiente e WWF sulla legge regionale

COMUNICATO STAMPA

LEGAMBIENTE e WWF esprimono soddisfazione per la proposta di legge della Giunta regionale

Buona la risposta per la situazione a terra. Indispensabile la redazione di un Piano di Gestione Integrata della Zona Costiera

Appello al Consiglio regionale per un miglioramento del testo di legge e per un’espressione di unanimità di voto

Pescara, 07.12.2009.
L’Abruzzo delle qualità contrapposto alla deriva petrolifera regionale. Questa mattina Legambiente e WWF hanno tenuto a Pescara una conferenza stampa sulla proposta di legge regionale “Provvedimenti urgenti a tutela del territorio regionale” avanzata dalla Giunta regionale, su iniziativa del presidente Gianni Chiodi, a contrasto della petrolizzazione del territorio abruzzese.
Le associazioni, rappresentate da Angelo Di Matteo, presidente di Legambiente Abruzzo, e Dante Caserta, consigliere nazionale di WWF Italia, hanno espresso un giudizio di carattere politico favorevole sull’iniziativa di legge che, in maniera chiara, contrappone alla deriva petrolifera regionale l’Abruzzo delle qualità. Il confronto tra le aree interessate da richieste di concessione per ricerche ed estrazioni di idrocarburi e le aree sulle quali la proposta di legge esclude tali attività evidenzia, infatti, la volontà dell’Abruzzo di non lasciare spazi alla deriva petrolifera.
«Si tratta di un provvedimento importante – sottolineano i rappresentanti dei due sodalizi ambientalisti – che, a poco più di venti giorni dalla scadenza della moratoria stabilita dalla Legge Regionale n. 14 del 2008, mette di nuovo freno agli interessi delle compagnie petrolifere ed al progetto del Centro oli dell’Eni di Ortona. La proposta assume un valore politico rilevante in quanto, la regione Abruzzo ribadisce una scelta di campo che non pone dubbi sulla vocazione territoriale regionale in quanto, le attività di sfruttamento del sottosuolo sono vietate proprio a tutela della pianificazione esistente, dell’ambiente naturale e dell’agricoltura di qualità e del principio di precauzione sul rischio sismico ed idrogeologico».
Da un punto di vista tecnico le Associazioni, dopo aver analizzato nel dettaglio i contenuti, hanno espresso la necessità di integrare e migliorare la proposta di legge in sede di discussione in Consiglio regionale in quanto la norma presenta alcune imprecisioni terminologiche, non risolve il problema delle concessioni di estrazioni già rilasciate e, soprattutto, non reca alcun riferimento alla situazione a mare, dove gli interessi delle compagnie petrolifere sono maggiori e più pressanti.
Lo strumento per bloccare anche a mare il proliferare di piattaforme estrattive può essere individuato nel Piano di Gestione Integrata della zona costiera.
«La Regione deve impegnarsi – continuano i rappresentanti delle due associazioni – a redigere il Piano di Gestione Integrata della zona costiera, strumento previsto dalla disciplina comunitaria e nazionale, capace di valutare nello specifico anche gli influssi delle attività petrolifere sul sistema costiero. È necessario costituire un modello partecipativo di stampo europeo che metta allo stesso tavolo interessi e competenze: le intese così costruite potranno preparare la strada ad un piano integrato di gestione».
Attraverso l’introduzione nella legge di un nuovo articolo, la Regione può impegnarsi a predisporre tale strumento entro tempi brevi e certi, disponendo, nelle more della sua approvazione, una moratoria che blocchi gli iter autorizzativi avviati.
Purtroppo, da un lato, i ritardi con cui si è intervenuti, dall’altro, la volontà del Governo italiano di individuare nell’Abruzzo un distretto minerario, hanno reso la situazione estremamente complessa, per cui è necessario dare un segnale politico forte ed inequivocabile nella direzione manifestata da tempo da cittadini, comitati, associazioni ambientaliste, associazioni di categoria, enti locali, realtà produttive.
«Sappiamo che anche altre forze politiche stanno predisponendo proposte di legge in questa direzione - hanno aggiunto i rappresentanti di Legambiente e WWF – Questo è sicuramente un bene perché nella discussione in Consiglio Regionale si potrà migliorare il testo presentato dal Presidente Chiodi. Tutti devono collaborare per giungere ad una legge condivisa, confermando quell’unità che, nonostante i distinguo di merito, non mancò al momento dell’approvazione della precedente legge regionale poi impugnata dal Governo Berlusconi».
Nella discussione del Consiglio si potrà ribadire anche la necessità di dotare la Regione di tutti quegli strumenti di pianificazione (Piano Energetico Ambientale Regionale) e di valutazione (ambientale, strategica e sanitaria), indispensabili per consolidare la scelta di mantenere l’Abruzzo una regione libera dal petrolio.
La mobilitazione della società abruzzese è ad un passo dal segnare un nuovo importante punto a tutela del territorio, come era già accaduto con il terzo traforo del Gran Sasso, la distribuzione di acqua dai campi pozzi a valle della megadiscarica di Bussi o con il prelievo di acqua da fiumi abruzzesi per venderla alla Puglia: è ora indispensabile compiere un ulteriore sforzo per rendere realtà le volontà manifestate e gli impegni assunti.

Dante Caserta 335.8155085
Angelo Di Matteo 347.8489363

Mappe Disegno Di Legge Regione Abruzzo 30-9-2009

Thursday, December 3, 2009

Il punto

Mentre si continua a discutere delle molte ombre legate al proposto disegno di legge regionale varato dalla giunta Chiodi, procede imperterrita l'avanzata dei petrolieri.

Il progetto legge proposto dalla giunta regionale non pone alcun divieto alle opere petrolifere nel mare, non protegge molta parte della costa abruzzese - che e' anche la zona di maggior interesse petrolifero - e soprattutto non si pronuncia sull'estrazione di gas o di idrocarburi nel suo complesso. La legge riguarda infatti
gli "oli combustibili" che sono solo un derivato industriale dell'estrazione e del raffinamento di idrocarburi. Gli oli combustibili non si estraggono, si producono.

Nel frattempo la ditta irlandese Petroceltic ha appena presentato due nuovi progetti per trivellare altrettanti pozzi petroliferi nel mare fra Vasto e Casalbordino, a 5 km dalla Riserva Naturale di Punta Aderci e a meno di un chilometro da una zona di ripopolamento ittico finanziata dalla comunita' europea. Sono le concessioni denominate d495 BR-EL e d492 BR-EL.

La stessa Petroceltic aveva gia' avanzato la richiesta di trivellare il mare a 6.5km da Ortona, in collaborazione con la ditta canadese Vega Oil. In quella occasione la rete di Emergenza Ambiente Abruzzo ha inviato oltre 20 osservazioni al ministero, offrendo il proprio supporto tecnico anche alla Provincia di Chieti.

Emergenza Ambiente Abruzzo e' un gruppo che raccoglie oltre sessanta associazioni civili, culturali e ambientali. In questa occasione rivolgiamo un appello a tutti i cittadini e le associazioni d'Abruzzo che volessero partecipare alla stesura di documenti da inviare al ministero a contattarci all'indirizzo emergenzaambiente@libero.it.
Vogliamo mandare un segnale forte e chiaro al Ministero dell'Ambiente per dire che la popolazione abruzzese e' compatta ed unita contro tutti i progetti petroliferi, nel nostro mare e nella nostra terra.

In particolar modo si incoraggiano a scrivere al Ministero gli operatori turistici e i ristoratori della zona, le associazioni ricreative, culturali o sportive, scuole, biologi, amanti del mare, accademici, scrittori, ingegneri e amministratori locali. Tutti sono bene accetti.

Il processo per democraticamente far sentire la propria voce al Ministero e' semplice, occorre solo la buona volonta'. EAA sara' di supporto nel fornire materiale di spunto e gli indirizzi ministeriali appropriati a cui inviare le proprie osservazioni o pareri.

Wednesday, December 2, 2009

Disegno di legge del 30 Nov 2009

Copia del disegno di legge presentato dal presidente Chiodi. Cerchero' di avere una versione piu' leggibile piu' avanti. Grazie Fab.


Disegno Di Legge 30 Nov 2009 - Regione Abruzzo

Tuesday, December 1, 2009

Una prima, piccola vittoria

Riprendo da PrimaDaNoi.it un articolo di oggi invitando comunque tutti alla calma e a non credere che sia tutto finito qui. L'Adriatico non e' ancora salvo e bisogna ancora capire quali zone del territorio sono rimaste scoperte. I petrolieri sono sempre molto bravi a cercare scorciatoie e sotterfugi per aggirare leggi e impedimenti. Certo e' un passo avanti, molto importante e dice che siamo sulla strada giusta.


No al Centro Oli: la prima vera vittoria degli attivisti

ABRUZZO. L’ombra nera del petrolio che spazza via l’immagine del verde Abruzzo? Forse oggi è più lontana. Forse non è mai stata così lontana.

Proprio lo scorso anno di questi tempi la battaglia ambientalista e di civiltà, della trasparenza e per la partecipazione popolare alle scelte fondamentali del territorio, aveva il suo picco.
Numerosi cortei, proteste, il tam tam sul web con siti e blog, passaparola e Facebook per far passare il messaggio che il petrolio da queste parti forse avrebbe cancellato decenni di lavoro sul turismo e l’agricoltura.
La storia del petrolio in Abruzzo però inizia quasi dieci anni fa.
Mentre a New York cadevano le torri gemelle a Roma si firmavano i documenti che avrebbero dato il via ufficiale alla costruzione ad Ortona del famoso Centro Oli, una mini raffineria che sarebbe dovuta diventare il centro di un indotto che comprendeva la zona industriale ortonese e pescarese-chietina ed il porto di Ortona.
In realtà pochi mesi prima dell’11 settembre la cittadinanza fu informata con molti articoli di giornale della notizia, nuova anche questa, del petrolio in abbondanza sotto i vigneti del montepulciano tra Ortona, Miglianico e Tollo.
All’epoca sembrò una grande notizia perché da subito si iniziò a parlare delle royalties, cioè dei milioni di euro che sarebbero arrivati nelle casse degli enti pubblici che avrebbero così potuto migliorare servizi e costruire nuove opere pubbliche.
Nessuno aveva ancora pensato al reale significato di tutto quanto.
Del petrolio non si parlò molto fino al 2007, quando la pratica amministrativa sul Centro Oli sembrò riemergere dall’ombra.
Verso la fine di quell’anno si erano fatti maturi i tempi per le approvazioni urbanistiche nel consiglio comunale, approvazioni che giunsero i primi mesi del 2008.
Ma fu proprio l’ordine del giorno del consiglio comunale ortonese a dare la scossa a quanti si erano dimenticati dell’Eni.
E' stato probabilmente questo il momento decisivo e fondamentale di tutta la storia: la gente scoprì solo allora che Regione, Provincia e Comune erano andati avanti con le riunioni ed i tavoli tecnici approvando il progetto ma non informando la cittadinanza che forse voleva sapere e dire la propria.
Anche lo stesso sindaco Nicola Fratino (Pdl) in più occasioni ha ammesso come la sollevazione popolare sia stata scatenata anche da una cattiva o insufficiente informazione, indicando però come responsabili l’Eni e non gli enti pubblici.
Dal 2008 è iniziata, dunque, una battaglia serrata per l’ambiente che è riuscita a calamitare tantissime persone che si sono mobilitate in comitati, associazioni e organizzazioni, che sono riusciti, come mai prima era successo a far sentire la loro voce a chi amministra il territorio.
Cortei, manifestazioni, striscioni, documentari, interviste e programmi televisivi e poi finalmente articoli di giornale sulla stampa nazionale ed internazionale per attirare l’attenzione del mondo su questa regione che in pochi conoscevano e solo per il verde e le montagne.
La poca trasparenza nella vicenda Centro olio è probabilmente stata la causa della sempre civile protesta, alimentata da indizi e prove di piccoli e grandi conflitti di interessi, di chi aveva vantaggi a soffocare la legittima paura della gente o a premere attraverso enti o istituzioni eterodiretti.
Conflitti di interessi che non hanno fatto bene alla politica e al rapporto con la gente: in Abruzzo la Casta voleva cambiare il volto al territorio per guadagno. E basta.
Poi la politica non ha potuto fare a meno di fare un passo indietro con l’approvazione lo scorso anno di una legge che bloccava per 12 mesi la costruzione di attività insalubri.
Ieri l’approvazione in giunta di un progetto di legge che dovrà essere approvato in consiglio. Non ci sono possibilità che una legge del genere non passi e non venga approvata.
Per quanto riguarda i pozzi e le piattaforme sono vietate in zone precise e particolarmente tutelate.
E’ possibile probabilmente ancora costruirne ma non dappertutto.
Rimane l’incognita del governo e del reale valore della legge abruzzese: servirà davvero a bloccare il petrolio o siamo solo all’inizio di una nuova stagione di contrapposizioni tra cittadini e governo?
Se c’è, però, una cosa che gli abruzzesi dovrebbero imparare da questa vicenda è che l’unione fa davvero la forza e non c’è scelta che il cittadino (che dovrebbe essere sovrano in questa Repubblica) non possa realmente prendere.
Il merito di certi risultati allora non può non essere del popolo che si è attivato ed ha sempre detto no al Centro Olio. Divisioni, egoismi e personalismi non servono e sono un'altra storia.

01/12/2009 9.27

Monday, November 30, 2009

Fine di un incubo ?

Leggo da Prima Da Noi e riporto sotto, cerchiamo di capire bene prima di tirare conclusioni affrettate. Intanto grazie aPrimaDaNoi.it che si sono sempre dimostrati tempestivi e attenti alla questione del petrolio.

Prima di continuare a leggere un paio di note. Una a Chiodi: caro presidente, ma ci voleva tanto e tutto questo casino ? Vedi che era facile fare qualcosa di concreto, nero su bianco ?

E Poi, con grande tristezza devo notare che gli "sbandieratori", hanno gia' iniziato a piazzare la propria bandiera e il proprio logo su questa iniziativa del presidente Chiodi. Che tristezza, che piccolezza, che squallido. Questo e' il risultato di tutti, dal primo all'ultimo, a partire da coloro che fondarono il Comitato Natura Verde e via via tutti gli altri che sono andati e venuti in questa storia. Tutti con i propri pregi e anche i propri difetti hanno contribuito ad arrivare a questo punto.

Per chiarezza inoltre va detto che la regione non ha competenze specifiche riguardo al mare antistante le nostre coste e quindi questa iniziativa non fermerà le trivelle in arrivo davanti alla costa come Elsa2, Ombrina etc... Per quelle, la regione può mandare al ministero il proprio parere negativo e il ministero puio' scegliere se tenerne conto o meno. Per la regione Basilicata ha funzionato.

PESCARA. Sostanzialmente, in Abruzzo non si potranno più esercitare attività di prospezione, ricerca, estrazione e prima lavorazione di olio combustibile.

Lo ha deciso oggi l'Esecutivo regionale, riunito a Pescara, che ha modificato integralmente la precedente legge regionale, n. 14, "Provvedimenti urgenti a tutela della Costa teatina".
Tale legge, sulla quale la Corte costituzionale ha anche mosso eccezioni, nelle more di vari strumenti di valutazione, sospendeva fino al 31 dicembre 2008, ogni permesso a costruire per l'insediamento di nuove industrie insalubri.
Con il disegno di legge varato oggi, su proposta del presidente della Giunta regionale, Gianni Chiodi, si introduce un principio definitivo e generalizzato che intende preservare, dall'insediamento di attività contraddistinte da un alto potenziale di inquinamento, tutte quelle aree caratterizzate da particolari peculiarità fisiche e geografiche.

SEI AREE OFF LIMITS
Nella sostanza, l'Esecutivo ha classificato sei aree, che costituiscono la quasi totalità del territorio regionale, sulle quali sono vietate tutte le attività connesse allo sfruttamento del sottosuolo.
Si tratta di: aree agricole destinate alle coltivazioni ed alle produzioni vitivinicole, olivicole, frutticole di pregio, di origine controllata garantita (d.o.c.g.), di origine controllata (d.o.c.), di indicazione geografica tipica (i.g.t.), di origine protetta (d.o.p.), di indicazione geografica protetta (i.g.p.), riconosciute ai sensi della vigente normativa statale e regionale; aree protette così come individuate ai sensi delle normativa vigente; aree sottoposte ai vincoli dei beni ambientali o ricadenti nel piano paesaggistico, ai sensi della normativa statale e regionali vigente; siti di interesse comunitario (Sic), nelle Zone di Protezione speciale (Zps) e negli altri siti di interesse naturalistico; aree ricadenti nelle categorie di pericolosità elevata (P2) e molto elevata (P3) e nelle classi di rischio elevata (R3) e molto elevata (R4) del piano regionale per l'Assetto idrogeologico; aree sismiche classificate come "Zona1" e "Zona 2", individuate dalla Regione ai sensi della normativa statale vigente in materia sismica.

«CHIAREZZA E TRASPARENZA DEFINITIVA»
«Sullo sfruttamento del nostro territorio, la Giunta compie oggi un atto di coerenza e trasparenza, senza tentennamenti e senza strumentali rinvii», ha commentato il presidente della Giunta regionale, Gianni Chiodi, commentando l'approvazione del nuovo disegno di legge. «Abbiamo inteso chiudere in modo definitivo un capitolo che ha visto questo Governo regionale sempre in prima linea in difesa del suo territorio, delle produzioni locali e della salute, e con il quale speriamo di ridare certezze e tranquillità alle popolazioni e agli imprenditori che hanno visto come una minaccia l'insediamento di industrie dedite alla lavorazione di olio combustibile».
Ora il provvedimento varato dalla Giunta regionale deve passare l'esame del Consiglio regionale. «E' una proposta aperta alle valutazioni di consiglieri legati al loro territorio - ha concluso il Presidente - e pertanto, ben consapevoli della necessità di una normativa seria e definita in
questa materia, proprio per preservare l'Abruzzo e garantirne uno sviluppo sano e compatibile con le inclinazioni di questa regione».
«Con questo importante atto dell'esecutivo regionale si dà una risposta definitiva e di assoluta chiarezza, contro ogni ipotesi di realizzazione del cosiddetto Centro Oli di Ortona», ha detto l'assessore regionale Mauro Febbo. L'assessore ha ricordato come «questo governo regionale abbia in più occasioni manifestato la piena e convinta contrarietà verso questo progetto».

«Occorreva predisporre una normativa organica che disciplinasse l'intera e complessa materia - ha ripreso l'assessore - e a mio avviso quest'ultimo disegno di legge, appena approvato, risulta ancora più completo della disciplina sul progetto di localizzazione di nuove infrastrutture energetiche proposta nei mesi scorsi».


Bisogna cercare di capire adesso quali sono le aree interessate dla provvediemento con delle mappe e capire quali sono i "buchi" lasciati aperti.

Saturday, November 28, 2009

Raccogliamo le firme

Oggi mi e' arrivato un messaggio che riporto un po' piu' sotto. Ho sempre pensato di usare questo blog come uno spazio per fissare pensieri e situazioni legate alla petrolizzazione della regione. Oggi devo aggiungere una brutta pagina, fatta di insulti a chi osa accennare un minimo dubbio e a chiedere un po' di chiarezza.

La petrolizzazione dell'Abruzzo e' legata al cattivo modo di fare le cose, tutto tipico italiano. Se tutti fossimo un po' piu' civilizzati e rispettosi degli altri, piu' attivi e piu' autonomi nel pensare con la nostra testa, allora le cose sarebbero di gran lunga meglio. In Abruzzo come in Italia. Invece vogliono sempre che pensiamo come ci viene imposto di fare dall'alto, guai a pensarla diversamente. Se poi esprimi i tuoi dubbi, allora e' la fine mentre circondarsi di yes man e' la regola.

Questo e' il testo che il presidente di Nuovo Senso Civico ha diffuso tramite Facebook e che mi sono ritrovato tra i messaggi in arrivo:

La petizione attuata con la raccolta firme ha un suo preciso valore legale come sancito dall'Art 50 della Costituzione che stabilisce "Tutti i cittadini possono rivolgere petizioni alle Camere per chiedere provvedimenti legislativi o esporre comuni necessità". Altre leggi dello Stato, molte mutuate da convenzioni internazionali e direttive comunitarie, definiscono la figura ed i ruoli del "pubblico interessato" che può formalmente costituirsi come parte interessata nell'iter delle concessioni oppure costituirsi come parte avversa presso il TAR. Noi quindi raccogliamo le nostre firme perché esistono leggi che ce lo permettono, perché esistono dei precedenti (Piemonte, Veneto, Lombardia) che dimostrano che attraverso la raccolta firma si possono bloccare e/o limitare le attività di emissione,di ricerca e di coltivazione di idrocarburi. Inoltre una raccolta firma come quella da noi attuata sta sensibilizzando in modo traversale la classe politica abruzzese. Chi sostiene il contrario, anche su questo spazio, o è un provocatore o è un imbecille. L'unica nostra difesa da eventuali e possibili provocazioni è una condotta vigile. La raccolta firme di NSC è un grande successo e lascerà una traccia nella storia dell'Abruzzo la cui legge parchi, vi ricordiamo, fu promulgata dopo una raccolta complessiva di 17 mila firme (noi teniamo i conti aggiornati dello spoglioo quotidiano con difficoltà ed il Notaio ha aperto uno spazio nel suo studio dedicato a noi). CONTINUATE A RACCOGLIERE LE FIRME ED EMARGINATE GLI SCIOCCHI, GLI SCIACALLI E GLI INVIDIOSI.

Speriamo che la raccolta di firme arrivi presto a quota 100.000 come auspicato in piu' parti dal presidente del movimento. La provincia di Chieti conta 380 mila persone di tutte le eta', questo vuol dire che basta che firmano 1 ogni 3.8 persone. Sarebbe certamente un gran gesto e un bel momento di coinvolgimento popolare nella storia della regione ma ...

A parte la spiegazione poco convincente su come usare quelle firme, rimangono da parte di scrive una serie di dubbi nel linguaggio di disprezzo usato dal presidente del movimento verso chi ha dei dubbi seri e fondati sull'iniziativa. La legge che si richiama nella petizione io me la sono letta... Definire sciacalli, sciocchi, stupidi, imbecilli, provocatori e invidiose persone che avanzano legittimi dubbi su quale sia il passo successivo alla raccolta delle firme e' al quanto curioso per chi intende fare una crociata su un NUOVO senso civico.

Non mi sembra un linguaggio appropriato per un presidente di un movimento che rappresenta molti cittadini, e che come dice lui stesso, intende entrare nella storia della regione.

A parte quello che ho letto nel testo della legge, trovo curioso che uno possa depositare 100.000 firme ad un notaio e poi chiedere la revoca di qualsiasi permesso, ovunque esso sia in Italia, rilasciato da chiunque esso sia. La petizione infatti non dice nemmeno quale permesso si debba revocare... Se fossero bastate 100.000 firme per chiudere l'Ilva di Taranto, le raffinerie di Gela e Priolo dove nascono bimbi deformi, e poi Porto Marghera... Si sarebbe stato proprio bello.

La costituzione dice che si puoi raccogliere le firme, ma e' un principio, poi vorrei sapere cosa si fa per trasformare quelle firme in realtà. Dopo che un notaio le ha contate a chi le diamo ? Beppe Grillo ha raccolto le firme necessarie per una proposta di legge popolare e le sue scatole sono ancora a marcire dentro qualche palazzo della repubblica italiana. La costituzione dice tante belle cose, come che Italia e' una Repubblica basata sul lavoro. Ma non per questo il lavoro e' assicurato a tutti.


-----
I concetti riportati in questo articolo sono miei e personali e non pretendono di interpretare il pensiero di nessuno.

Sunday, November 22, 2009

Dove siamo

Ieri sera tornavo a casa tardi da una serata con degli amici. Un po' di chiacchiere vicino a Harvard, al Grafton Street. Tutto bene, ma verso casa mi prudevano un po' le mani... ecco cosa ne e' venuto fuori.

------------------------

Come avrete notato questo blog non viene più aggiornato di frequente. Dopo una fase di circa un anno e mezzo in cui il blog era la mia principale attività' sono passato ad una fase diversa. Ho trascurato il blog recentemente per dedicarmi alla lettura delle carte ufficiali, delle procedure e delle leggi. Mi sono studiato documenti di centinaia di pagine delle compagnie petrolifere, ho cercato documenti scientifici che provassero la falsità' delle affermazioni dei petrolieri, ho scritto documenti tecnico/scientifici contro la petrolizzazione della Regione Abruzzo che sono
stati sottomessi al Ministero dell'Ambiente.

Ho cercato di dare un piccolo e modesto contributo a tutto quel processo organizzativo e di discussione che avviene un po' dietro le quinte. Non si vede perché non appare sui giornali e TV, ma c'è tanto lavoro per contattare i politici e le associazioni di categoria per "aiutarli" a produrre dei documenti ufficiali, per "aiutarli" a muoversi.

"Aiutarli" vuole spesso dire che ti devi guadagnare la loro fiducia con la serietà e la professionalità e mantenendo la parola. Poi gli devi anche scrivere delle bozze di documenti per fargli vedere come si fa. E' dura perché a noi nessuno ci ha insegnato nulla, ma si fa questo e altro per fermare i petrolieri.

Naturalmente non ho fatto tutto da me, ne sono stato il motore di tutto. Ho dato il mio piccolo contributo come tante persone che lavorano nell'ombra. La somma di tanti piccoli pero' e' diventata qualcosa di molto grande e ha prodotto qualcosa di mai visto prima.

In occasione del progetto Elsa2 della Petroceltic e della Vega Oil che intendono installare una piattaforma davanti a Ortona a 5km dal porto, abbiamo prodotto più di 20 documenti ufficiali che sono stati inviati al ministero secondo i termini di legge. Una persona e' andata a Roma farsi le fotocopie dal Ministero dell'Ambiente, una pagina alla volta e da li si e' partiti. Tutto su base volontaria, senza capi, presidenti, senza schema organizzativi, senza leader auto-eletti a tali. Tutto su base volontaria, ognuno mettendoci il tempo che poteva e le competenze che poteva.

Il risultato parla chiaro, ecco la lista delle associazioni, comuni e singoli che hanno inviato le osservazioni al ministero, un risultato senza precedenti:

*Assoturismo Abruzzo - Confesercienti a firma del presidente,
*Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola Impresa Abruzzo a firma del presidente,
*Confcommercio a firma del presidente,
*Provincia di Chieti a firma delpresidente,
* Comuni di Lanciano, Miglianico, Francavilla e Silvi a firma dei rispettivi sindaci
* Arcidiocesi Lanciano -Ortona
*Comitato Natura Verde
* WWF
*Comitato Abruzzese del Paesaggio
*2 Professori Universitari
*2 Ingengeri
* 1 dottorando in Ecologia
* Diversi titolari di Bed & Breakfast
* Associazioni La Chitarra di Massimo e Virtus Frentania

Dalle parole siamo passati ai fatti, perché se' e' vero che bisogna informare i cittadini, bisogna poi dargli la possibilità di essere utili in concreto. Basta con la democrazia delegata tramite altri. Ognuno nel suo piccolo può fare la sua parte.

Se molti che si occupano di questa storia del petrolio sono spariti dalla circolazione non e' perché non fanno più nulla. Anzi, lavoriamo ancora più' di prima, nonostante qualcuno cerchi di prendersi i nostri meriti e di dipingerci come causa di tutti mali.

Una piccola nota: perché e' importante mandare le osservazioni al Ministero dell'Ambiente ? Semplice, perché quando uno di quelli che lavora da tanto a questa causa e sempre in silenzio, ha telefonato al ministero ha chiesto perché i progetti venissero sempre approvati, si e' sentito rispondere che nessuno ha mai inviato un documento (tecnicamente "osservazioni") che ne chiedesse la non approvazione, contraddicendo le argomentazioni dei petrolieri.

In sostanza, protestare in Abruzzo nelle piazze e sulla stampa locale serve a far conoscere il problema, ma se la protesta non arriva secondo le modalità e i termini di legge dentro i palazzi dove si decide, allora lascia il tempo che trova.

Bene, tanto lavoro e tanta fatica da parte di persone che non cercano la ribalta, ne i riflettori, ne lo sguardo di una telecamera. Persone, e parliamo di decine, che fanno quello che si deve fare per fermare i petrolieri. Punto e basta. Persone che preferiscono studiarsi le carte invece che pensare ai comunicati stampa e a 'flirtare' con i giornalisti locali, sperando in un po' di pubblicità per se stessi.

Quelli che nemmeno ci avevano pensato a fare un comunicato, si svegliano poi la mattina e scoprono che il proprio lavoro viene spacciato come il risultato di altra gente. Altra gente che invece e' sempre veloce a scrivere i comunicati e a mettere la propria bandiera dappertutto. E non paghi di tutto ciò, adesso adesso ti iniziano pure a gettare fango addosso tramite tv locali e giornali. Siamo all'assurdo, visto che la gente che pratica questi metodi va poi gridando ai 4 venti la voglia di cambiamento e di nuovo.

Predicano il nuovo ma vogliono le luci della ribalta, vogliono primeggiare costi quel che costi, credendo di sapere cosa e' meglio per tutti. Accusano chi lavora in silenzio e fa atti concreti di essere un problema, scaricano i propri insuccessi sugli altri. Perché e' meglio incolpare gli altri che se stessi se Chiodi non risponde alle richieste di dialogo.

Di nuovo si lavano la bocca in continuazione, ma poi usano i vecchi metodi degli inciuci, degli incontri segreti e dell'appropriazione del lavoro altrui. Una trovata geniale insomma: predicare il nuovo usando metodi vecchi. Non c'e' che dire, molto innovativo.

Se questo e' il nuovo... ridatemi il vecchio.

Abbiamo bisogno di trasparenza, chiarezza, onesta morale e intellettuale per entrare in una fase nuova. Soprattutto abbiamo bisogno del rispetto di chi lavora al tuo stesso fine, anche se lo fa seguendo strade diverse. Io rispetto te, le tue idee e la strada che vuoi intraprendere; ma tu devi fare altrettanto verso gli altri. Sono concetti basilari che devono valere sempre, ma ancora di più se stiamo tutti andando verso la stessa meta e se c'è ancora tanto lavoro da fare.

Questo post rimarra' unico nel suo genere, no matter what. Guariamo avanti, questa sera volevo solo mettere un po' di puntini sulle "i".

Al prossimo post si torna a parlare di petrolio e di problemi della regione.

------
Le opinioni espresse in questo testo sono mie e personali e non pretendono di interpretare il pensiero di nessun altro.

Wednesday, November 11, 2009

La politica dell'inciucio



La politica dell'inciucio sembra non morire mai, ne in Abruzzo ne in Italia più in generale.

Continuo a leggere le notizie locali su giornali online e offline ma la conclusione e' sempre la stessa. Si governa per fare gli interessi di pochi e si ignorano completamente i molti. No, non sono comunista, non sono di sinistra e mai lo sarò, ma l'evidenza dei fatti e' sotto gli occhi di tutti.

Energia, spazzatura, sanità e terremoto sono i temi che più occupano i nostri politici. Perché ? Ci dicono sempre che sono delle emergenze. Ma sarà vero ? Io no ci credo più. Io dico che sono le grandi bufale che ci vendono tramite giornali e telegiornali. Se uno vuole prendere delle decisioni impopolari cosa fa ? E se vuoi fare il maxi inciucio tra politica e amico imprenditore ? Semplice, ormai si spaccia tutto per una emergenza, e allora si può fare tutto.

Ho degli amici degli amici che vogliono fare un inceneritore, perché incenerire vuol dire guadagnare un sacco di soldi. La monnezza abbonda e che ci sarà sempre, un business sicuro. Gli inceneritori sono un modello di business a rischio zero visto che lo stato ti da pure i CIP6: contributi pubblici che dovevano essere destinati alle energie rinnovabili e che poi sono stati estesi a "rinnovabili e assimilabili". E grazie alla parola "assimilabile" ci entra di tutto, inceneritori, turbogas e energia di scarto delle raffinerie. I Moratti e l'Eni, per dirne alcuni, prendono soldi CIP6.

E i CIP6 sono sovvenzionati dai cittadini con una speciale tassa sulle loro bollette energetiche del 6-7% del loro totale. Togliere ai cittadini per dare alle varie bande legalmente organizzate, come se in Italia non pagassimo già troppo le bollette energetiche. Lo stato al servizio di pochi, LEGALMENTE.

E allora, visto che il business e' perfetto l'unico problema e' farle costruire queste macchine spargi cancro. Il problema e' convincer eil cittadino che e' una cosa utile e che gli serve. Come si fa? Se una regione ricicla il 50% dei rifiuti lo puoi giustificare economicamente un inceneritore ? Certo che no. Allora la raccolta differenziata e' meglio che non ci sia e che non si faccia. Educare il cittadino al riciclaggio ? No, meglio di no. E' controproducente. Pianificare per tempo le discariche ? Ancora, meglio di no, se non come fai a creare l'emergenza ? Nel vastese in questi giorni c'e' l'emergenza discariche, che tradotto vuol dire che siamo all'emergenza che precede l'inceneritore con l'inciucio politico-imprenditoriale collegato. Guarda caso l'emergenza discarica nel vastese e' scoppiata dopo l'insediamento della giunta Chiodi che e' notoriamente favorevole agli inceneritori (notare il plurale).

A Campobasso, l'eroe abruzzese Marrollo chiude la divisione prefabbricati di Mafalda. Usano la scusa della crisi per chiudere una fabbrica. Ancora una volta hanno la scusa perfetta, come fai a contestare che c'è la crisi ? Eppure i dipendenti dicono che solo ora hanno scoperto che il piano per fare un impianto a biomassa era stato avviato 2 anni fa, quando scoppiavano di lavoro. Mistero Marrollo, presidente della Confindustria Abruzzo, altro cortocircuito politica-potere-controllo-controllato. E la gente va a casa disoccupata.

L'emergenza crisi e' un altra grande opportunita' per ristrutturarsi, chiudere le divisioni che non interessano piu', per licenziare e e spostare la produzione in paesi low cost a spese della cassa integrazione.

Altra emergenza: quei disgraziati di dipenti di Villa Pini. Gente che lavora e non viene pagata da mesi. Ma si può concepire in uno stato moderno ? A quanto pare si. Quanto tempo devono aspettare quei poveracci per essere pagati ? Perché non sospendiamo al consiglio regionale lo stipendio fino a quando lo avranno i dipendenti di Villa Pini ? Vediamo se poi l'emergenza dura più di una settimana.

Febbo, assessore regionale all'agricoltura dovrebbe occuparsi di difendere i contadini e il VALORE del loro lavoro. Invece si occupa di tutt'altro. Oggi lo ritroviamo a parlare di energia e di una centrale idroelettrica all'interno del Parco Regionale Sirente Velino. Ma come, e' un parco naturale !!! Appena eletto invece si occupo delle royalties del petrolio con una proposta di legge che voleva mettere d'accordo tutti. La teoria e' che siccome i comuni limitrofi non ci guadagnano niente dalle royalties, era meglio spartire la torta anche con loro. Che stratega. E intanto i contadini che lui dovrebbe difendere non sono rappresentati da nessuno e vengono pagati una miseria per i loro prodotti. Si spaccano la schiena e fanno il lavoro più duro di tutti e subiscono il prezzo imposto dai grandi distributori. Febbo intanto si occupa di petrolio. E allora e' di oggi la notizia che un centinaio di trattori di allevatori sono pronti a marciare su Roma perché dicono che non sono difesi da nessuno. Come dargli torto ? Spero che scarichino tanta merda davanti ai palazzi delle istituzione, ma conoscendo certi soggetti che ci sono dentro, sono sicuro che troveranno il modo di fare soldi anche con quella!

Altro servizio vitale, altro mega-business. L'acqua e' l'affare del futuro e allora ecco servita la privatizzazione dell'acqua. E sia a livello nazionale che locale, con il grande statista Chiodi in prima fila che si avvia alla centralizzazione dell'acqua in Abruzzo. Dicono che e' per risparmiare poltrone, ma il problema del numero di poltrone e' marginale. Il problema e' che le poltrone vengono gestite dalla politica per fare il sistema di potere e per creare tutti gli inciuci sulla spartizione del "potere ad poltrona". Se su quelle poltrone ci avessero messo delle persone preparate, e non i soliti trombati elettorali e raccomandati, forse oggi avremmo un sistema idrico efficiente e non ci sarebbe bisogno di riformare un bel niente. Ancora una volta si crea una emergenza, quella dello spreco, per giustificare il fallimento della politica e dei suoi metodi d'inciucio.

Dalla sanità all'acqua lo slogan e' sempre lo stesso: unico ente centralizzato per gestire torte sempre piu' grandi con la scusa del risparmio. Ancora una volta si cerca di mettere una pezza a decenni di mala politica che ha interferito alla grande sul sistema sanitario, che lo ha comandato dettando assunzioni di medici, primari e amministratori. Hanno interferito da sempre sulla gestione della sanita', e ora la colpa della "cattiva organizzazione" di chi e' ? Dei troppi manager ? Benvenuti allo scarica barile, sempre per nascondere i propri limiti e incapacità.

E i pozzi di petrolio ? Le raffinerie come facciamo a farle ? Ancora con l'arma del ricatto dell'emergenza lavoro. Non c'è lavoro e arriva l'Eni o la Petrceltic o la ECOPETROLI. Stendete il tappeto rosso ci portano una manciata di posti di lavoro. A Ortona una classe dirigente ignorante, corrotta e al servizio solo del proprio portafoglio ha spalancato le porte ai petrolieri pur di far arrivare le navi in porto. Gli interessi di pochi ( ma proprio pochi) su quelli di tutti spacciati per una emergenza, tanto per cambiare.

Il terremoto ? E' una grande emergenza ma fare prevenzione non porta voti. Meglio aspettare che cada tutto cosi' puoi andare in tv a tagliare nastri e consegnare case agli sfollati di giorno. Poi di notte tanto puoi andare a puttane sperando che non ti beccano. E intanto dopo un terremoto cosa fai, ti metti a fare le gare d'appalto ? No, tutto con trattativa diretta nell'apoteosi della politica dell'inciucio.

Energia, acqua, spazzatura, sanità: questi i temi che saranno sempre più centrali perché e' li che adesso e in questi anni ci sarà da spartirsi un sacco di soldi. Ovviamente al cittadino generico medio faranno credere che ci sono delle emergenze per poter giustificare inceneritori, privatizzazioni e pozzi di petrolio.

Avanti Italia.

Aggiuntadel 13/9/2009: l'ultima emergenza nazionale e' quella dei processi. Alle elementari tutti hanno potuto imparare A,B,C e poi "i processi durano una vita". Possibile che siano una emergenza solo oggi ? E' da una vita che e' cosi'. L'emergenza pero' e' cominciata il giorno dopo che il lodo Alfano e' stato dichiarato illegittimo. Possibile che il normale cittadino non veda queste cose ? E come risolvo il problema ? Ennesima presa in giro, e non e' questione di DX o SX, e' questione di serietà e professionalità. Ma in Italia e' una utopia usare queste espressioni.

Altra emergenza rifiuti rilanciata dalle pagine del Messaggero a Pescara: "Emergenza Rifiuti, Pescara come Napoli ?" titola oggi il messaggero. Avanti..

Orrore Rai Uno

con dedica finale.....

Monday, October 26, 2009

Aggiornamento Elsa 2

Nonostante le 14 osservazioni inviate al Ministero dell'Ambiente da semplici cittadini, associazioni di categoria, comuni, chiesa e operatori del settore turistico, la Petroceltic continua ad affilare i suoi piani per il 2010.

Su diversi quotidiani-amplificatori-megafono della piccola azienda petrolifera iniziano ad apparire piccoli articoli in cui si pubblicizza il progetto Elsa2 a 7 km dalla costa Ortonese.

Il 25 Ottobre 2009 un articolo del quotidiano inglese The Indipendent titola: "Petroceltic seeks partner to help develop Italy's Elsa oilfield" - "Petroceltic cerca partner per sviluppare la concessione italiana Elsa [2]". Secondo questo articolo inizieranno a lavorare tra Luglio e Settembre 2010 e cercano investitori disposti a finanziare il progetto.

Il 27 Ottobre 2009 il quotidiano irlandese Independent dice a proposito di Petroceltic che "In Italia l'obiettivo e' stato quello di perofrare il pozzo esplorativo Elsa [2]. L'avvio e' previsto per la seconda meta' del 2010...".

Lo stesso giorno la notizia riportata dall'Independent e' stata ripresa anche dal canale finanziario Bloomberg: "Petroceltic... cerca un partner finanziario per finanziare le operazioni in Italia..".


Elsa2 e' un progetto i cui interessi sono detenuti al 60% dalla Vega Oil SpA e dalla Petroceltic al 40%. I costi delle operazioni invece sono sostenuti al 60% dalla Petroceltic e al 40% dalla Vega.

La Vega Oil e' posseduta al 100% dalla Canadese Cygamn Energy, con diversi italiani dentro.

Friday, October 23, 2009

Qualcuno ci crede ancora



Arrivano con tanti soldi da spendere, supportati da banche d'affari e con un solo obbiettivo: fare profitto. Profitto a tutti i costi, senza neanche considerare che dove andranno a operare esiste un territorio, un popolo, un tessuto sociale, una economia che si basa prevalentemente su agricoltura, pesca e turismo. Profitto a spese nostre, a spese di cittadini che neanche vengono interrogati sul loro futuro. Noi dovremmo subire e basta, rassegnarci a svegliarci un giorno e trovare una trivella di fronte al mare, alla nostra spiaggia.

La spiaggia dove sei andato al mare ogni anno quando eri piccolo, quella che fino ad ora tutti davano per scontato che rimanesse cosi' come era. Poi un giorni ti svegli, ti giri a un lato e vedi una piattaforma con una trivella sopra e capisci che forse non e' che sia poi tutto cosi' scontato.

Molti Abruzzesi fanno le spallucce, inarcano le sopracciglia e pensano che tutto sommato alla fine, loro non possono farci nulla.

Altri invece non si rassegnano e sanno che se aspettano senza fare nulla, allora si, davvero e' la fine.

Premetto che non ho nulla contro i primi, i rassegnati. Dopotutto sono stati educati cosi' dalla vita, dalla vecchia classe politica e dal vecchio sistema. Il peso dei tempi della DC si sente ancora, decenni passati a "pane, mazzetta e raccomandazione" non si cancellano in un attimo. E l'Abruzzo si che era un protettorato DC...

Il "Grande Reduce" della DC abruzzese continua a sparlare senza sapere quello che dice, a blaterare si realtà immaginarie passate, presenti e future. Qualcuno lo prende sul serio e lo ascolta pure!

Erano tempi in cui la crescita dell'Abruzzo era drogata dall'attivismo di qualche politico che giocava a fare il padre padrone. Sembrava che ci fosse una crescita spontanea e che un popolo avesse trovato la propria strada. Le imprese che arrivavano ci sembravano davvero interessate a noi. E poi: ospedali, autostrade e opere pubbliche grandiose. Cosa chiedere di più ?

Invece era tutto falso.

Una distorsione della realtà che ci ha fatto dormire sogni tranquilli e che ci ha fatto che credere che, tutto sommato, le aziende, le opere pubbliche e i soldi piovessero dal cielo.

Il cittadino Abruzzese medio doveva stare zitto, poteva solo chiedere qualche raccomandazione e ripagare il favore con il voto. Tutto il resto veniva da se. Zitto, cieco, fermo, non fare domande e non pensare troppo.

Oggi quella mentalità e' rimasta, ma il sistema DC e' rotto. Il nuovo sistema che ne ha preso il posto pensa solo a se stesso. Oggi, e' ancora peggio.

Quelli di prima un contentino alla gente lo davano, questi niente. Si tengono tutto loro e fanno affari con tutti. Se i petrolieri arrivano e sventolano un po' di banconote sotto il naso vanno bene. Meglio "con" che "contro", e' piu' facile ed e' terapeutico per il conto in banca.

Altri cittadini invece non ci stanno, e si danno da fare. Si informano, scrivono, si riuniscono, pianificano, discutono e fanno i fatti. Questi cittadini non vogliono subire passivamente, questi cittadini ne sanno più di quelli che li governano. E infatti alla fine gli devono pure dire quello che devono fare.

Più passa il tempo e più ci organizziamo, il bello deve ancora venire.

Thursday, October 22, 2009

Salviamo la costa

(Foto: Carta dei titoli minerari aggiornata a Agosto 2009. Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico)



Perche' nel Golfo di Napoli e nel Golfo di Salerno vige il divieto di trivellare ?

La mappa riportata in figura e' aggiornata al 31 Agosto 2009. Le zone della costa campana di fronte a Napoli e Salerno sono identificate come: "Zona vietata alla prospezione, ricerca e coltivazione (art. 4 comma 1 legge n. 9/1991, modificato dall'art. 26, L. 31 luglio 2002, n. 179). I titoli esistenti sono stati conferiti anterioriormente al divieto".

La legge citata e' di poche parole, ma dice tutto quello che serve:

Art. 4. (Divieto di prospezione, ricerca e coltivazione) 1. La prospezione, la ricerca e la coltivazione di idrocarburi è vietata nelle acque del Golfo di Napoli, del Golfo di Salerno e delle Isole Egadi, fatti salvi i permessi, le autorizzazioni e le concessioni in atto.


Perche' la Campania si e l'Abruzzo no ?

Friday, October 16, 2009

Tuesday, September 29, 2009

Crotone

A Crotone, la Pertusola Sud produceva montagne di ferro misto a cadmio, arsenico e zinco (Cubilot) come risultato delle loro attivita' industriale.

Cosa ne hanno fatto del Cubilot che e altamente inquinante e pericoloso per la salute umana?
I dirigenti della Pertusola che facevano anche i costruttori non si sono fatti molti problemi e lo hanno usato per fare i riempimenti di palazzi, strade e piazzali di Crotone su cui sorgono anche delle scuole. E intanto i bambini giocano in strada e a scuola, si ammalno e muiono di tumori "strani".

Il pm che indaga ha valtato che fino al '96 erano stoccati non meno di 200.000 metri cubi di robaccia, pari a 400.000 tonnellate. Quella robaccia era ammassata all'aperto, esposta a sole, pioggia e vento. Questa e' l'Italia negli anni 2000.


L'articolo riportato sotto e' tratto da Il Fatto Quotidiano (30/9/09) ed e' l'ultimo di una serie (per ora) che riguarda il caso dei bambini delle scuole di Crotone.

Vi risparmio l'articolo di ieri che parlava di bambini malati e morti di tumore, questo invece parla un po' più in generale di dove potrebbero essere cercate le responsabilità.

Guarda caso, qualcuno ha iniziato a tirare fuori il nome dell'Eni che tramite Enirisorse ha controllato per un certo periodo la Pertusola Sud. E ancora una volta, dove c'è un disastro ambientale in Italia, salta fuori il nome dell'Eni... che coincidenza!



Crotone, silenzio sui veleni

TUTTI SAPEVANO, NESSUNO HA AGITO
dall’inviato

Enrico Fierro

Ora che la bomba è scoppiata a Crotone nessuno deve parlare. Chi sa non deve dire agli operai dell'Enichem e della Pertusola, ai genitori dei bambini delle scuole costruite su una montagna nera di detriti tossici, che per anni hanno respirato veleno. Il dottor Franco Rocca ha parlato con il nostro giornale e con il quotidiano regionale “CalabriaOra”, ha spiegato, illustrato dati, ha suggerito le cose da fare subito. Ed è stato richiamato all'ordine dai suoi superiori con una lettera dai toni perentori. Vogliono sapere, e subito, perché, in base a quali dati certi, ha parlato di un aumento dei tumori a Crotone. Il dottor Rocca è responsabile dello Spisal (una brutta sigla che sta per Servizio prevenzione igiene e sicurezza negli ambienti di lavoro), conosce bene la sua città e le sue fabbriche. L'Enichem e la Pertusola Sud, soprattutto. Non ha fatto altro che mettere insieme i dati che l'Organizzazione mondiale della sanità ha messo nero su bianco sulla mortalità per malattie tumorali nelle città italiane. Crotone è al primo posto, più di Brindisi, più di Gela e Augusta (altre città devastate dall'industria petrolchimica) per l'incidenza della mortalità per tumori alla trachea, ai bronchi, ai polmoni, per la crescita dei tumori alla vescica. Nessuno lo ha ascoltato. Neppure i suoi superiori. Ma è l'impatto dei veleni prodotti dalla Pertusola con la catena alimentare ad allarmare. A Crotone hanno costruito caseifici, industrie della catena del freddo, finanche il mercato ortofrutticolo vicino ad inceneritori, concerie, aziende che producono ceramiche. Già nel 2003, l'Azienda regionale per la protezione ambiente della Calabria, analizzando dei campioni di grano prodotto nelle campagne di Crotone rilevò una inquietante presenza di piombo e cadmio. Stesso risultato per un campione di barbabietole da zucchero. Piombo a volontà e al di sopra dei limiti fissati dalla legge.

“La verità è che qui le multinazionali come l'Eni hanno prelevato ricchezza e regalato povertà”. Pino Greco ha lavorato per trent'anni alla Pertusola. Sa tutto della sua fabbrica e del processo produttivo. “Il Cubilot era per noi una ricchezza. Per anni lo abbiamo lavorato, reso inerte e commercializzato. Era bianco, la Pertusola lo rivendeva alle industrie che producevano ceramica. E' con l'ingresso dell'Eni e la chiusura del reparto che si accumulano le montagne nere”. Montagne di veleni. Che venivano smaltiti illegalmente, usati per costruire piazzali, scuole, case. “La città è stata avvelenata da multinazionali senza scrupoli. Paghiamo un conto salatissimo, non sappiamo quanti edifici pubblici o privati sono stati costruiti usando quel materiale”.

Benedetto Proto, Udc, è il giovane presidente del Consiglio provinciale, sta mettendo insieme dati e relazioni. “Ma deve intervenire il governo, a Crotone c’è un vero e proprio disastro ambientale”. Tutti sapevano a Crotone, tutto era già stato detto e scritto. Nessuna autorità è intervenuta. Pertusola e Eni hanno avuto mani libere. 16 febbraio 2000, Relazione della Commissione parlamentare sul ciclo dei rifiuti presieduta da Masimo Scalia. “La descrizione del processo di inertizzazione e le modalità di smaltimento (illustrate dalla Pertusola, ndr) non hanno convinto la Commissione... Una recente indagine della procura di Catanzaro ha accertato che circa 3mila tonnellate di ferriti non sono state inertizzate per fare conglomerati cementizi, ma solo miscelate con terra per ottenere sottofondi stradali. In altri casi si simulava il recupero di ferriti e si smaltivano in terreni agricoli nell'area di Cassano Ionico e di Rossano Calabro”.

Nella stessa relazione si parla anche del ruolo di imprese legate alla 'ndrangheta calabrese. “30mila tonnelate di rifiuti pericolosi, sono state smaltite da parte di una organizzazione criminale collegata a gruppi mafiosi di Cosenza , mediante la simulazione di operazioni di recupero”. Si sapeva tutto, da anni.

Nessuno si è mosso. Milioni di euro sono stati bruciati in studi e ricerche, ma negli anni passati alla Regione Calabria nessuno è riuscito a trovare 74mila euro per fare i carotaggi sotto le scuole inquinate. “Fondi da reperire”, c’era scritto sul fascicolo. Così nella regione dei veleni e degli sprechi miliardari.

I conti senza l'oste

Alla Vega Oil continuano a fare i conti senza l'oste: gli Abruzzesi.

Secodno una notizia riportata oggi dalla sito di informazioni petrolifere "Offshore", la Vega Oil ( e quindi la sua partner Petroceltic) si appresta
a scavare un altro pozzo di esplorazione l'anno prossimo nella concessione denominata Elsa.

Ci sono decine di siti come "Offshore" che riportano notizie di nuove scoperte e permessi della aziende petrolifere. Ma non solo, ogni piccolissima notizia viene amplificata a benefici dei potenziali investitori.

Questo va bene per loro, non va bene per noi. Va bene per loro perché fanno vedere che fanno le cose in grande e rassicurano gli investitori (le banche e altri che ci mettono i contanti per fare i pozzi) che tutto va bene. E' tempo di cominciare ad occuparsi di questa disinformazione e far vedere che esistiamo, che siamo organizzati e che possiamo uscire fuori dal paesello.

Novita' seguiranno su questo fronte.





Vega to re-assess Elsa

Published: Sep 29, 2009

Offshore staff

DUBLIN -- Vega Oil is looking to drill an appraisal well next year on the Elsa discovery in the central Adriatic Sea, according to partner Petroceltic.

An environmental impact assessment for the well location has been submitted to Italy’s Environment Ministry, and tenders are out for equipment and materials.

An independent reserve audit of Elsa, in permit BR268RG, suggests best-estimate contingent recoverable resources of 104 MMbbl.

Elsewhere offshore Italy, Petroceltoc has applied for four new E&P permits in the Sicily Channel and Gulf of Otranto regions.

09/29/2009

Monday, September 28, 2009

Forte e chiaro !

da www.corriere.it del 25 Settembre 2009

L'Abruzzo non vuole diventare un pozzo
(petrolifero) senza fondo

Nel mirino anche le colline del Montepulciano Doc e Il parco nazionale della Majella. Un piano prevede di installare impianti di estrazione sul 50% del territorio: a rischio agricoltura e turismo!

Spero che vogliate parlare di tutto l'Abruzzo come zona da salvare. L'Eni infatti si appresta a trasformare la nostra regione in un mega campo petrolifero, trasformando il 50% del territorio in zona per l'estrazione del petrolio, comprese le colline del Montepulciano Doc, Il parco nazionale della Majella, e quello di Lazio ed Abruzzo. Sono due anni che cerco di sensibilizzare abruzzesi - politici, popolo, giovani e chiesa cattolica su questo grave problema, con la stampa nazionale che sembra essere mummificata. La Basilicata, dove si trivella da 15 anni, muore, e io vorrei che per una volta in Italia fossimo preventivi e fermassimo il degrado ambientale prima di iniziare a contare i morti. In Basilicata si puo.

Il petrolio abruzzese è di qualità scadente. E' un fango fortemente corrosivo e denso. L'indice API è 12. Il petrolio migliore del mondo è quello texano ad inidice 40. Quello peggiore sono le sabbie del
Canada con indice 8. Dunque, il petrolio abruzzese giusto un po meglio delle sabbie bituminiche dell'Alberta. L'idea dell'Eni è quella trasformare 15 ettari di terra a Montepulciano doc ad Ortona in una raffineria di petrolio creata apposta per desolforizzare le schifezze del sottosuolo abruzzese. Questo centro deve sorgere a 500 metri dal mare. Si parla di costruirne altri due nella piana di Navelli e nel Teramano. Le trivelle nel mare a Pineto ospiteranno la desolforazione sulle piattaforme stesse. L'Abruzzo quest' anno è arrivato quarto al Vintilaly di Verona per numero di medaglie sulla qualità dei vini.
Questa regione fino a 50 anni fa era povera. Ora, la possiamo rigirare come vogliamo, ma vino, agricoltura, turismo e petrolio non possono coesistere. Alcuni studi dell'università californiana Davis, con uno dei dipartimenti di agricoltura più famosi d'America, ha concluso (30 anni fa!) che le emissioni di idrogeno solforato alle stesse dosi di quelle consentite dalla legge italiana, causa la morte dei vigneti. Bucare in lungo e largo l'Abruzzo significherà quasi sicuramente compromettere tutta la nostra agricoltura.

Il rapporto guadagno petrolfiero/perdita agricoltura è infinitamente basso. Ad Ortona, il petrolio porterà a 30 posti di lavoro (l'ha detto l'Eni stessa) a fronte di 5000 famiglie nei vari comuni attorno alla proposta raffineria impiegate nell'agricoltura che perderanno il loro sostentamento, per non parlare del turismo e della pesca del luogo. Il petrolio abruzzese non è una risorsa per l'Abruzzo, ma per l'Eni. Non esiste un comune "petrolizzato" in Italia dove si vive bene con il petrolio: esplosioni a Trecate, petrolfiere inabissate a Genova, bimbi deformi a Gela, tumori fuori ogni limite a Falconara, inquinamento alle stelle a Melilli, Priolo, Augusta, Cremona, Falconara, Mantova, Sannazzaro, Sarroch, Marghera, manfredonia.
Anche per quanto riguarda le famose royalties, facciamo pena. In Norvegia fra tasse locali e governative, devi lasciare l'80% del ricavato ai Norvegesi. In Italia, le tasse governative sono del 30% e poi agli Abruzzesi resterà l'1% della ricchezza estratta. Però se estrai al di sotto di un certo limite, paghi zero spaccato. Chi controlla il greggio estratto è l'estrattore stesso! Ai petrolieri si vuole regalare il 50% del territorio, compreso parte dei parchi nazionali e la costa. Su quei territori vive l'80% della gente d'Abruzzo. Un sondaggio fatto dal governo centrale mostra che il 75% degli abruzzesi è contrario alle trivelle. La terra non è dell'Eni ma degli Abruzzesi. Grazie ad altre opere già portate avanti (fra cui la centrale turbogas di Gissi), l'Abruzzo già produce più energia di quanto gli serva. Il petrolio non può coesistere con l'Abruzzo che conosciamo oggi.

Maria Rita D'Orsogna
Assistant Professor Department of Mathematics
California State University at Northridge Los Angeles CA

- - - - - - - - - - - - - - - - -

VALUTAZIONE AMBIENTALE ED ECONOMICA (a cura del Wwf)

Un’oasi di bellezza tra il cemento che copre gran parte della costa abruzzese, con unicità botaniche, geologiche, faunistiche e storiche, è quella che si dispiega nel tratto litoraneo che va da Ortona a San Salvo. Un susseguirsi di falesie, calette, spiagge sabbiose e ghiaiose, interrotte dai famosi “trabocchi”, scheletri di legno magicamente sospesi tra la terra e il mare per pescatori poco avvezzi alle onde. A ridosso della costa le colline del Montepulciano da cui si ricava il pregiato vino, degno prodotto di un luogo anticamente chiamato “La terra d'oro“, per la ricchezza delle acque, la fertilità delle campagne e le bellezze paesaggistiche . Questo lembo di costa, miracolosamente salvatosi grazie al vecchio tracciato ferroviario- ora dismesso- sta scomparendo a ritmi vertiginosi sotto l'insipienza di gran parte dei nostri amministratori comunali, regionali e del Governo Nazionale, nonostante alcuni iniziali e importanti tentativi di salvaguardia. E' nel 2001 che inizia l'iter istitutivo del Parco della Costa Teatina mai portato a termine da nessun governo regionale che si è succeduto. Solo nel 2007 vengono istituite quattro piccole Riserve regionali nell’ambito di un Sistema di aree protette, che non riescono però a frenare la speculazione edilizia. Oggi la costa rischia anche la deriva idrocarburi: aumento costante delle perforazioni petrolifere in mare e in terra, previste dal Piano triennale energetico dell'attuale Ministero degli Affari Produttivi, l'incombente realizzazione di un Centro Oli (raffineria), momentaneamente sospesa grazie alla tenace opposizione di associazioni e comitati di cittadini, la prospettiva di un porto (Ortona) destinato all’industria petrolifera. Come non bastasse fiumi in condizioni disastrose, cementificazione che avanza inarrestabile, spiagge soffocate da stabilimenti e attrezzature balneari che fagocitano i residuali habitat dunali, tingono il futuro di questo specialissimo lembo di costa a tinte fosche.


25 settembre 2009

Wednesday, September 23, 2009

Su Elsa 2

(Foto: da pagine d'Abruzzo)


Estrazione petrolifera, è allarme
La ricerca nel tratto di costa dei trabocchi tra Vasto e Ortona

da Il Messaggero del 23/9/2009:

VASTO - La corsa all’esplorazione petrolifera davanti alle coste di Trabocchi, tra Vasto e Ortona, allarma le forze politiche che chiedono alle istituzioni di fare la voce grossa contro lo sfruttamento sottomarino. Dal progettato parco eolico nell’Adriatico molisano, adesso, l’attenzione si sposta più a nord, nel Chietino, dove Eliana Menna, capogruppo alla Provincia di Chieti dell’Italia dei Valori, punta l’indice contro un nuovo progetto, denominato ”Elsa 2”. «E’ così - dice - perché presso il Ministero dell’Ambiente è stata la società canadese Vega Oil a fare richiesta di ricerca ed estrazione petrolifera nel nostro territorio. Il tratto interessato sarebbe quello compreso tra Vasto e Ortona. Uno solo dei tanti progetti - osserva il capogruppo Idv - riguardanti l’attività di estrazione petrolifera in Abruzzo, se la classificazione della nostra Regione dovesse rimanere cosi com’è, cioè a destinazione mineraria. Questo tipo di classificazione sta condannando per sempre lo sviluppo turistico, enogastronomico, agricolo, sano dell’intero Abruzzo. Il pericolo che la nostra diventi la regione più nera d’Europa e che gli abruzzesi si ritrovino a vivere all’interno di un distretto petrolifero è sempre più reale e, purtroppo, continua ad essere taciuto dalla classe politica che sta governando la Regione. Venerdì 18 settembre - dice Eliana Menna - il Presidente della Provincia, Enrico Di Giuseppantonio, sulla questione ha dichiarato di essere fermamente contrario alla “petrolizzazione” del nostro territorio, avendo promosso, da dirigente dell’Anci e sindaco di Fossacesia, un incontro di tutti i sindaci della costa abruzzese per dire un no forte, convinto e solenne al progetto del Centro Oli. Le affermazioni del Presidente della Provincia confortano il gruppo dell’Idv, però vorremmo che oltre alle dichiarazioni, il Presidente si impegni con la sua parte politica che governa l’Abruzzo affinché finisca per sempre il pericolo di ricerca, estrazione e raffinazione petrolifera».

Oltre all’Italia dei Valori si muove Assoturismo-Confesercenti, che ha inviato al Ministero dell’Ambiente una serie di osservazioni. «Non possiamo accettare - dice tra l’altro Daniele Zunica, presidente regionale della sigla di categoria - i rischi economici derivanti dall’apertura di nuovi pozzi in un’area in cui l’habitat ha un valore così strategico per lo sviluppo». Assoturismo-Confesercenti rappresenta oltre 1.200 imprese turistiche abruzzesi, e, come detto, ha presentato una serie di osservazioni in merito alla pronuncia di compatibilità ambientale relativa al progetto di perforazione del pozzo per idrocarburi “Elsa 2”, che sorgerebbe a 6,5 chilometri dalla costa di Ortona, proprio davanti alla riserva regionale dei Ripari di Giobbe.


*****

Un altro articoo e' su PrimaDaNoi.it

Monday, September 21, 2009

Il Fatto Quotidiano

Ormai manca poco, dal 23 Settembre un nuovo quotidiano vedrà la luce. E' il giornale di quelli che la pensano un po' diversamente, di quelli accusati di essere sovversivi e comunisti, rivoluzionari, pazzi comunisti e rompiscatole. Di quelli che cercano di raccontarti le cose da un punto di vista diverso dagli altri.

I guastafeste hanno gia' iniziato a scrivere e quello che sara' Il Fatto Quotidiano viene ora pubblicato come l'Antefatto su un blog. Dategli una occhiata, vedete se vi convince. Ci sono Padellaro, Travaglio, Gomez, Lillo, Beha e altri meno noti.

Una cosa e' certa, già in partenza sono diversi. Per la prima volta non accetteranno i finanziamenti pubblici. Un giornale non ricattabile in Italia ? Sara' la rivoluzione dell'editoria in Italia, sperando ovviamente che non falliscano visto che non sarà certo facile. Un giornale non soggetto alla volta' dei grandi gruppi industriali italiani ? Un'altra rivoluzione. Un giornale fatto solo di piccoli azionisti, libero dal conflitto di interesse e dal cortocircuito del controllato-controllore. Un'altra rivoluzione.

Non e' detto che ce la facciano e sebbene non conosco neache che tipo di giornale faranno perche' non l'ho mai visto, ho deciso di dare il mio contributo abbonandomi alla versione pdf (costo:100 euro).

Speriamo che funzioni perche' se non ci riescono non vedo altre possibilita' di cambiare il sistema dell'informazione su carta stampata che' in Italia fa lettarlmente pena.

Dal 23 Settembre in poche edicole per ora, ma online per tutti.