Thursday, February 26, 2009

Un rospo in Adriatico, altri in arrivo

(Foto: da internet)

La Edison ha presentato nel Dicembre 2008 la domanda ai ministeri competenti per la "Variazione programma di lavori nell'ambito della concessione di coltivazione B.C8.LF". La Edison intende infatti perforare nuovi pozzi per estrarre ancora piu' petrolio e adeguare gli impianti esistenti nel giacimento offshore "Rospo mare".

I virgolettati che seguono sono un po' di fatti riguardanti Rospo Mare e sono estratti da uno dei documenti (pubblici) presentati dalla Edison al ministero.

"Rospo Mare è ubicato a circa 20 km dalla costa abruzzese, in profondità d’acqua compresa tra i 65 e gli 80 metri. Il giacimento è situato ad una profondità media di 1.300 m slm e presenta una mineralizzazione ad olio pesante (11.5° API) nei calcari carsificati della piattaforma Apula."

L'indice API misura la leggerezza o pesantezza del petrolio rispetto all'acqua (API acqua = 10). Il petrolio migliore al mondo ha indice 40-45 API ed e' il piu' costoso.
Il petrolio si dice leggero quando l'API e' maggiore di 31.1, medio quando l'API e' tra 22.3 e 31.1, pesante quando e' compreso tra 10 e 22.3. Chiaramente piu' l'indice API e' basso, piu' il petrolio vale meno sul mercato.
Quando l'API e' sotto 10 non si parla piu' di petrolio ma di bitume o petrolio extra pesante. Mentre il petrolio galleggia, il bitume affonda nell'acqua.

E Rospo Mare ? L'indice API per Rospo Mare e' 11.5. Cioe' sono li a bucare l'Adriatico da 27 anni per estrarre la 'munnezza' del petrolio, ai confini col bitume. Ricordo solo che il petrolio peggiore al mondo ha indice 8 ed e' nello stato dell'Alberta in Canada. Allegria, siamo un pelino sopra gli ultimi.

Altre cifre:
"Il campo è stato avviato alla produzione nel 1982 raggiungendo un picco massimo di produzione di circa 6.000 m3/g ...ad oggi il campo ha prodotto c.a. 13,9 milioni di m3 di olio ...allo stato attuale il campo è in produzione con 28 pozzi orizzontali e 3 verticali, perforati dalle 3 piattaforme RSM-A, RSM-B, RSM-C ...l’attuale portata complessiva di olio è dell’ordine dei 770 m3/g con condizioni di erogazione a testa pozzo di 5-7 bar di pressione e 50-60°C di temperatura, mentre i due nuovi pozzi realizzati, RSM 121 e 122d, dopo un picco iniziale, producono globalmente 371 m3/g."

"La produzione del campo viene processata sulla piattaforma RSM-B ed inviata sulla nave di stoccaggio FSO Alba Marina. L’intero campo è operato da remoto attraverso una sala controllo ubicata presso la Centrale di S. Stefano. Al fine di migliorare lo sfruttamento del campo, Edison, in qualità di Operatore, ha individuato un possibile scenario per l’esecuzione di nuovi pozzi di “infilling” e drenare riserve altrimenti non producibili ed intende esplorare una soluzione, nell’ambito dei possibili scenari di sviluppo, consistente nella perforazione di tre + uno nuovi pozzi orizzontali, ciascuno in un’area del giacimento verificata raggiungibile dalla attuale piattaforma. La perforazione di questi nuovi pozzi può essere realizzata o da una nuova piattaforma RSM-D da installare in posizione baricentrica rispetto agli obiettivi, o dalla esistente piattaforma RSM-B utilizzando la tecnologia ERD (Extended Reach Drilling)"

Insomma altre piattaforme in arrivo targate Edison, altri rospi in mare senza che la regione dica nulla. Chiodi dove sei ? Febbo che dici adesso ?

No comments: