Wednesday, March 4, 2009

Edison per l'Abruzzo

( Foto: Avviso di Richiesta di compatibilita' ambientale presentata
da Edison SpA per la perforazione di nuovi pozzi petroliferi
nel giacimento di Rospo Mare B (B.CL.F8) )

Il 30 Gennaio 2009 la Edison SpA ha presentato al Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e al Ministero per i Beni e le Attività Culturali una richiesta di variazione dei lavori nell'ambito delta concessione di coltivazione -B.C8.LF.

Mentre le istituzioni regionali Abruzzesi latitano, i petrolieri vanno avanti indisturbati. Alla Edison non bastano i suoi attuali 31 pozzi e tre piattaforme, ora ne vogliono altri 4 di pozzi.
Tirano petrolio dal 1982 e ne rapporto di valutazione ambientale ostangono che e' tutto regolare, tutto a posto. Visto che gli studi internazionali sui danni all'ecosistema da parte delle piattaforme petrolifere abbondano (google: "sediment quality oil platform") mi chiedo se mai la regioen Abruzzo se ne sia interessata, se abbia inviato qualcuno a fare un controllo indipendente invece di credere ai numeri forniti dalla Edison.

Certamente i nostri amati petrolieri - Eni, Petroceltic, MOG, Edison - non si lasciano intimidire dalla proposta di legge avanzata dall'assessore all'agricoltura Mauro Febbo.
L'idea Febbo si riassume cosi': spartiamoci i soldi in piu' entita tra comuni, regione e comuni limitrofi... ma lasciamoli lavorare. Un NO secco ai petrolieri non si e' sentito e temo che non si sentira' mai da questa amministrazione regionale. Chiodi e' sempre sul NI.

Almeno Del Turco aveva il coraggio di dire davanti ad una telecamera che SI, lui era favorevole ai petrolieri. E per quanto mi riguarda, meglio uno che dice SI forte piuttosto uno che dice "ni" a bassa voce.

Stessa storia sul nucleare. L'emendamento della minoranza proponeva di scrivere nero su bianco che l'Abruzzo e' una reigone denuclearizzata e che non siamo disponibili ad ospiitre le centrali nucleari che le SS (Silvio e Scaiola) vogliono costruire. Bene, sembra una richiesta cosi' basilare che un voto all'unanimita' doveva essere scontato. Invece no, la maggioranza ha votato contro perche' come ha dichiarato Chiodi: «le sole energie rinnovabili non basteranno mai al fabbisogno» (Fonte: qui).

Un'altra perla del contorsionismo Chiodico.

Chiodi e Cappellaci. Abruzzo e Sardegna. Tutti e due eletti grazie alla campagna elettorale fatta da Berlusconi in persona. Solo che Cappellacci a dichiarato subito che la Sardegna non e' disponibile ad ospitare le centrali nucleari e che dovranno passare sul suo corpo prima che cio' accada. Gianni invece dice che le fonti rinnovabili non bastano. Come al solito risposte a mezza bocca che suonano esattamente come uno che ha una idea ben precisa ma non la puo' dire perche' troppo impopolare. Ma questo del resto e' film gia' visto e noto a tutti, come per la faccenda della petrolizzazione dell'Abuzzo.

La Edison a inviato tutte le carte anche alla reigone Abruzzo alla "Direzione Parchi, Territorio, Ambiente, Energia" e "Servizio Tutela, Va!orizzazione del Paesaggio e Valutazioni Ambienta!i -
Ufficio Valutazione Impatto Ambientale" presso Via Leonardo da Vinci (Palazzo Silone), 67100 L'Aquila. Il termine per presentare le osservazioni scade alla fine di Marzo, vediamo se si degnano di aprire quelle carte, leggerle e fare un po' di confronti incrociati per capire se e' realistico o no quello che scrivono. O i dipendenti regionali sono pagati per grattarsi il naso ?

Stessa storia per la Provincia di Chieti. Il "Servizio Urbanistico e Pianificazione" di Piazza Monsignor Venturi 4, 66100 Chieti ha ricevuto le carte. Vediamo se si stanno grattando la pancia o se produrranno delle osservazioni.

Ecco il testo completo dell'avviso Edison:

Avviso al Pubblico

RICHIESTA DI PRONUNCIA DI COMPATIBILITÀ AMBIENTALE

AI Ministero dell'Ambiente e dena Tutela del Territorio e del Mare e al MiT\istero per i Beni e le Attività Culturali

Variazione programma lavori nell'ambito delta concessione di coltivazione -B.ca.LP': perforazione di nuovi pozzi di coltivazione e adeguamento degli impianti esistenti, per l'ottimizzazione del recupero di idrocarburi dal giacimento offshore "Rospo Mare". La Società Edison Spa, con sede legale in Foro Bonaparte 31, CA? 20121 Milano, in qualità di rappresentante unico per tutti i rapporti con l'amministra,zione e con i terzi della concessione di coltivazione di idrocarburi liquidi
e gassosi 􀅕B.C8.lF", comunica di aver presentato in data odierna domanda di espressione del giudizio di compatibilità ambientale ai sensi deH'art. 23 del D.Lgs 3 aprile 2006 n. 152 come modificato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008 n. 4 per la variazione del programma lavoro all'Interno della concessione di coltivazione"S.C8.LF- consistente nella perforazione di nuovi pozzi di coltivazione e l'adeguamento degli impianti esistenti, nel giacimento offshore "Rospo Mare".

Il .progetto di perforazione e messa in produzione di nuovi pozzi nel giacimento di Rospo Mare prevede:

• L'adeguamento dell'esistente piattaforma offshore "Rospo Mare B" (RSM B) per consentire la perforazione di nuovi pozzi di sviluppo utilizzando un impianto di perforazione' offshore del tipo jack-up.
• La perforazione di tre nuovi pozzi direzionati nel giacimento di Rospo Mare a partire dall'esistente piattaforma RSMB.
• L'eventuale perforazione, a partire dall'esistente piatlaforma RSM B, di un quarto pozzo direzionato, previa l'analisi dei risultati minerari dei predetti pozzi di sviluppo.
• L'adeguamento degli impianti di produzione esistenti per consentire la messa in produzione dei nuovi pozzi al fine di ottimizzare il recupero degli idrocarburi dal giacimento di Rospo Mare.

Gli impianti produttivi del giacimento di Rospo sono ubicati nell'offshore adriatico tra le Regioni Abruzzo e Molise; essi giacciono al largo in corrispondenza della costa dei comuni di Vasto in Provincia di Chieti e di Termoli in Provincia di Campobasso.

La società Edison Spa comunica che la documentazione relativa agli elaborati di progetto, allo studio di impatto ambientale ed alla sintesi non tecnica è depositata, in copia a disposizione 'del pubblico per la consultazione, presso:

• Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
Direrione Generale per la Salvaguardia Ambientale
Via Cristoforo Colombo 44, 00147 Roma
• Regione Abruzzo
Direzione Parchi, Territorio, Ambiente, Energia
Servizio Tutela, Va!orizzazione del Paesaggio e Valutazioni Ambienta!i
Ufficio Valutazione Impatto Ambientale,
Via Leonardo da Vinci (Palazzo Silone), 67100 L'Aquila
• Regione Molise
Ser vizio Conservazione e Tutela dell'Ambiente e Valutazione d'Impatto Ambientale
Via D'Amato 3H, 86100 Campobasso (CB)
• Provincia di Campobasso
Ufficio VIA - 10 settore, 40 servizio - Ambiente
Via Roma 47, 86100 Campobasso
• Provincia di Chieti
Servizio Urbanistico e Pianificazione
Piazza Monsignor Venturi 4, 66100 Chieti

Tale documentazione è anche consultabile sul sito del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (www.minambiente.it) nell'area di libera consultazione dei progetti.
Ai sensi dell'art. 24 comma 4 del D.Lgs 3 aprile 2006 n. 152 come modificato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008 n. 4, chiunque abbia interesse può presentare in forma scritta, nel termine di 60 (sessanta) giomi dalla data della presente pubblicazione, istanze, osservazioni o pareri al Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Edison Spa
Sede in Milano- Foro Buonaparle, 31
Capitale sociale euro 5.291.700.671,00 Lv.
Registro delle Imprese di Milano e
Codice Fiscale 06722600019

1 comment:

mario franco basilico said...

Cappellacci può dire no al nucleare perchè in Sardegna si dovranno costruire ville lussuose, il futuro dell'Abruzzo non sarà il turismo, sarà petrolio, inceneritori e, perchè no, una bella centrale nucleare per i nostri condizionatori d'aria dato che le industrie stanno chiudendo.