Tuesday, March 24, 2009

Il vino d'Abruzzo

(Foto: copertina di The Wine Bible, di Karen MacNeil, 2001)


Dopo le recenti dichiarazioni di Mauro Febbo secondo cui l'export della regione e' calato verso gli Stati Uniti ho deciso di indagare un pochino. Nella conferenza stampa indetta per cercare di placare gli animi di cittadini e comitati sulla questione della petrolizzazione dell'Abruzzo, Febbo ha detto che "negli Stati Uniti pensano che il Centro Oli sia già attivo e per questo hanno ridotto la domanda di vino abruzzese" (Fonte: qui) .

Visto che siamo tutti d'accordo nel ritenere che abbiamo un buono vino, cerchiamo allora di capire se e' l'allarmismo dei comitati a influire sulle vendite all'estero o se e' il 'marchio Abruzzo' ad avere dei problemi. Problemi che magari vengono da lontano e che forse andrebbero risolti da contadini, cantine e assessore all'agricoltura. Mai sentito parlare di marketing ?

Ho consultato due guide di vini che recensiscono vini e produzioni tipiche di tutto il mondo. I due volumi sono in vendita negli Stati Uniti. Per tutti coloro che riescono a leggere l'inglese e riporto alcuni passaggi più sotto.

Per gli altri: la prima recensione conclude che l'Abruzzo in teoria potrebbe offrire molto di piu' del solito Montepulciano. Inoltre, le produzioni sarebbero troppo tradizionali e non si sperimentano nuove miscele. L'altro volume conclude che pensiamo troppo alla quantità e poco alla qualità, e che e' un peccato visto che l'Abruzzo potrebbe offrire molto di più in termini di vini pregiati.

Faccio notare che queste guide sono state pubblicate nel 2005 e nel 2001, prima che su America Oggi venisse pubblicato l'articolo sulla petrolizzazione dell'Abruzzo. Che sia vero o meno, questo e' quello che scrivono di noi, questo e' quello che gli americani leggono se vanno ad informarsi sull'Abruzzo e i suoi vini.

Forse sarebbe meglio iniziare a curare seriamente l'immagine dei nostri prodotti all'estero invece di preoccuparsi di fare leggi per aiutare i petrolieri e di continuare a parlare di giochi del mediterraneo.




The Sotheby's Wine Encyclopedia
4th Edition, by Tom Stevenson, 2005

East-Central Italy

This area comprises the regions of Emilia Romagna, the Marches, the Abruzzi, and Molise. The best quality wines come from the Marches and Abruzzi, but the best known is Emilia Romanga's lollipop wine, Lambrusco, which is exported in vast quantities.

Climate: The influence o the Mediterranean provides generally hot and dry summers, which become progressively hotter as one travels south, and cool winters. In hilly regions microclimates are created by the effects of altitude and aspect.

Soil: The soil is mostly alluvial, with some outcrops of granite and limestone.

Abruzzo:
Although its hills have a variety of soils and microclimates, and should be capable of producing many fine wines, the Abruzzi offers only one - Montepulciano d'Abruzzo. But winemakers are conservative here and only one producer, Santoro Corella, is experimenting with different grape varieties.


AVERAGE ANNUAL PRODUCTION
Abruzzi: 2.7 milion cases - 250.000 hl (DOC),
50 milion cases - 4.5 milion hl (TOTAL PRODUCTION)

Percentage of total Italian wine production: Abruzzi 6%

MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
This is the Abruzzi's only fine wine and there are two distinct styles. Made from Montepulciano with up to 15% Sangiovese, both are very deep in color but one is full of soft, luscious fruit, theoter is firmer and more tannic. A lighter style called cerasuolo exists for cherry-pink wine with fresh fruit, but it is seldom as exciting.




The Wine Bible
by Karen MacNeil, 2001

Abruzzi:
With its simple sunshine, dry climate hilly terrain, and coastal breezes off the Adriatic sea, Abruzzi appears tailor -made for vineyards, and indeed, this region in central Italy is one of the most productive in the country. Unfortunately, almost all of the production is simple characterless red and white table wines based on graped grown at staggeringly high yields. But this is pheraps not truly surprising. As one moves farther south into Italy's poorer and more rural regions, quantity not quality is the central theme of winemaking. The situation might not be so regrettable if it were not for the fact that Abruzzi certainly 'could' produce higher quality wines (all the physical requirements of climate and soil are there), and besides, the region has a wonderfully vivid and hearty local cuisine that begs for something delicious to drink.
That said, one of the Abruzzi's wines can be pretty delicious and that's Montepulciano d'Abruzzo. Lots of this mouthfilling red is now being exported, and it's among the country's top good-value wines. Unlike, say, a superexpensive Chianti, which will tend to be thin and hollow, or inexpensive Nebbiolo, which will tend to be thin and tannic, Montepulciano d'Abruzzo is solidly built with a soft texture and good, thick fruit flavors in the middle. Rustic it is, but the price is right, so don't be afraid to try the whatever you see on the shelf.
Montepulciano d'Abruzzo is made from the grape variety also known as montepulciano.
It should not be confused with Vino Nobile de Montepulciano, one of the leading wines of Tuscany and a wine primarly from sangiovese grapes. The wine Montepucliano d'Abruzzo is made throughout Abruzzi, and though montepulciano grapes also grow in all the neighboring regions, it is in Abruzzi that the grape variety is turned into the most notable and robust wines.
The best known white wine of Abruzzi is trebbiano d'Abruzzo, a blend dry inexpensive
quaffer that is drunk liberally with the region's many fish dishes. Trebbiano d'Abruzzo,
despite its name, is not made from trebbiano but rather from a neutral-testing grape
variety called bombino.

Confronto tra Abruzzo e Toscana: Abruzzo 1/2 pagina, Toscana 12 pagine.


3 comments:

Anonymous said...

appunto Danilo, la conclusione dice tutto,
guardate la Toscana
infatti sul blog, di EAA :
http://blog.libero.it/emergenzambiente/
praticamente diciamo la stessa cosa
a presto Fab

mariofranco basilico said...

praticamente febbo ammette che il centro oli fa crollare, completamente, l'esportazione del vino abruzzese all'estero.
più chiaro di così non poteva pronunciarsi.

Anonymous said...

a febbo non gliene importa niente ne dell'agricoltura ne del vino, quello deve solo obbedire ai comandi dall'alto, assieme a chiodi. poveri noi.