Saturday, July 18, 2009

Eni in Nigeria - I

(Foto: il top-manager della Halliburton, Albert "Jack" Stanley
ha patteggiato 7 anni di reclusione per corruzione internazionale in Nigeria.)


da Corriere.it:

Inchiesta sulla Snamprogetti del gruppo Eni. I pm: politici pagati per gli appalti
«Tangenti italiane sul gas nigeriano»
Perquisiti gli uffici della Saipem, indagati due manager per corruzione internazionale. In ballo una «dazione» multinazionale da 182 milioni di dollari


MILANO —
A sera, la per­quisizione iniziata in mattina­ta è ancora in corso negli uffi­ci del gruppo Eni a San Dona­to, e la selezione di carte e di e-mail nell’Area commerciale e nell’Audit interno dell’ex Snamprogetti (oggi incorpo­rata in Saipem) è il primo at­to visibile della nuova inchie­sta, per l’ipotesi di reato di corruzione internazionale, aperta dalla Procura di Mila­no sull’operato della società del «cane a sei zampe». In ballo c’è la quota italia­na di tangenti multinazionali pagate sugli appalti del gas in Nigeria: la parte di pertinenza Snamprogetti dei 182 milioni di dollari che il consorzio in­ternazionale Tskj (partecipa­to dall’americana Kbr, dalla giapponese Igc, dalla france­se Technip e appunto dall’ita­liana Snamprogetti) pagò tra il 1994 e il 2004 a politici e bu­rocrati della Nigeria in cam­bio degli appalti da 6 miliardi di euro per i sei colossali im­pianti di estrazione e stoccag­gio del gas liquefatto del giaci­mento di Bonny Island, zona da anni al centro del conflitto tra le forze governative e i guerriglieri che si battono contro lo sfruttamento del delta del Niger.

Reo confesso
Nata in Francia, cresciuta in Gran Bretagna e lievitata negli Stati Uniti, l’inchiesta milanese si nutre delle am­missioni di Albert Jackson Stanley, il top manager che dall’indagine in Texas è usci­to concordando 7 anni di pe­na dopo essere stato al timo­ne della multinazionale ame­ricana Kbr, controllata dalla Halliburton che all’epoca ave­va al vertice Dick Cheney, poi assurto alla vicepresidenza Usa nell’era Bush.

«31 Luglio 2004»
Ma le diversità degli ordi­namenti giudiziari fanno sì che l’indagine milanese abbia ora tempo proceduralmente ancora utile per scandagliare soltanto l’ultima fase dell’affa­re: e cioè la sottoquota di tan­genti pagate dal quadricon­sorzio multinazionale in rela­zione al contratto del 31 lu­glio 2004 per il sesto impian­to (denominato «treno 6»).

Prescrizione
Due le persone indagate, manager della ex Snampro­getti (attuale Saipem), ma so­lo per il periodo 2002- 2004. La data estiva della perquisi­zione — affidata quasi in ex­tremis dai pm Fabio De Pa­squale e Sergio Spadaro alla Guardia di Finanza, alla Poli­zia e agli esperti informatici della sezione della Procura— segnala invece che l’acquisi­zione di documenti operata dai magistrati serve anche a valutare se iscrivere nel regi­stro degli indagati la persona giuridica della società del gruppo Eni: evento infatti an­cora possibile soltanto per 13 giorni, prima che si consumi interamente il termine di 5 anni oltre il quale si prescrive la responsabilità amministra­tiva delle società per reati commessi dai dipendenti nel­l’interesse aziendale (legge 231 del 2001). I manager indagati dell’al­lora Snamprogetti sarebbero stati quelli più vicini al comi­tato direttivo del consorzio Tskj, la sede decisionale dove secondo Stanley si concorda­va di usare il paravento di «contratti di consulenza» co­me «canali di corruzione» dei vertici nigeriani attraverso una doppia intermediazione dei soldi: prima dal consorzio a un trio di società costituite dal consorzio di imprese nel paradiso fiscale portoghese di Madeira; e poi da esse ad altre due aziende che smista­vano i pagamenti ai politici nigeriani su conti svizzeri e monegaschi, ovvero la Tri-star di un avvocato d’affa­ri inglese a Gibilterra (Jeffrey Tesler, arrestato in Gran Bre­tagna) e una azienda giappo­nese di pubbliche relazioni. Nel febbraio scorso, la Kbr-Halliburton ha concorda­to con il Dipartimento di Giu­stizia di Houston (Texas) una multa di 579 milioni di dolla­ri da pagare allo Stato e alla Sec (l’equivalente americano della Consob), ammettendo che il suo ex amministratore delegato Albert «Jack» Stan­ley aveva pagato tangenti in Nigeria. Stanley ha pure am­messo, e accettato 7 anni. Cabina di regia Che le tangenti siano state pagate, dunque, appare fuori discussione. Quel che però la ex Snamprogetti del gruppo Eni nega è di aver mai sapu­to, e tantomeno condiviso, che il consorzio internaziona­le al quale partecipava le aves­se pagate. Sul punto, però, Stanley negli Stati Uniti ha af­fermato che la cabina di regia («steering committee») del comitato direttivo del consor­zio Tskj «prendeva le più im­portanti decisioni per conto della joint venture, inclusa la scelta se ingaggiare consulen­ti che assistessero il consor­zio per ottenere i contratti, chi pagare come consulenti, e quanto pagarli. Profitti, introi­ti e spese, incluso il costo de­gli agenti, furono divisi equa­mente tra i quattro partners» del consorzio Tskj. Generali d’oro Ma a chi andò questo fiume di soldi? Dalle carte di inchie­sta emerge il ministro nigeria­no del Petrolio dal 1995 al 1998, Dan Etete, condannato a marzo dalla Corte d’Appello di Parigi a una multa di 8 milioni di euro per aver incassato 15 milioni di dollari in tangenti che aveva utilizzato per acqui­stare alcuni immobili in Fran­cia, compreso un castello. Ma molto di più, secondo quanto si legge nelle carte dell’indagi­ne americana, sarebbe stato pagato al generale Sani Aba­cha, morto nel 1998 dopo aver governato con il pugno di ferro la Nigeria dal 1993: a lui sarebbero andati, tramite l’avvocato di Gibilterra, dai 40 ai 45 milioni di dollari. Il presi­dente nigeriano fino al 2007, Olusegun Obasanjo, avrebbe inoltre ricevuto nel 2002 circa 23 milioni; mentre il generale Abdulsalami Abubakar, presi­dente per un solo anno, di mi­lioni ne avrebbe comunque in­cassati 2,2 sul suo conto sviz­zero.

«Collaborazione»

Fonti difensive del gruppo Eni non hanno commentato ie­ri i presupposti della perquisi­zione, mentre fonti dell’azien­da ribadiscono la doppia posi­zione che il «cane a sei zam­pe » aveva rappresentato due anni fa quando negli Stati Uni­ti era stato chiamato indiretta­mente in causa dall’esito del­l’inchiesta americana sulle tan­genti. Primo: società dell’Eni non hanno mai pagato tangen­ti per gli appalti in Nigeria. Se­condo: «fin dal giugno 2004» il gruppo Eni ha offerto agli in­quirenti americani e alla Sec «collaborazione volontaria», anche «con la consegna di do­cumenti interni» sull’appalto.

Luigi Ferrarella
lferrarella@corriere.it
Giuseppe Guastella
gguastella@corriere.it
18 luglio 2009

3 comments:

Anonymous said...

ENI, "codice etico" e Servizi Segreti

Indiscrezione tratta dal portale Indymedia al link:

http://piemonte.indymedia.org/article/5520

In una surreale seduta Straordinaria del Consiglio di Amministrazione dell'E.N.I. (che trovate trascritta ed in originale) evocato il nome d'un fantomatico giornalista (Altana Pietro) e dei nostri Servizi Segreti Italiani

Stà scritto lì, nero su bianco, nel verbale del C.d.A. dell'E.N.I.:


"... l'11 giugno 2004 Abb denuncia alcuni manager dalla sua filiale milanese di occultamento di perdite di 70 milioni di euro e rassegna al PM Francesco Greco due nomi di propri dipendenti, tali Carlo Parmeggiani e Piarantonio Prior, che sarebbero coinvolti anche anche in una tangente al manager di Enipower Larenzino Marzocchi.Mi chiedo per quanti anni ancora sarebbe andata avanti tale forma e genere di crimine se non ci fosse stata nel marzo 2004 l'indagine del professionista della stampa Altana Pietro (fonte ritenuta vicina ai Servizi Segreti) che ha fatto indagini su Enichem, Enipower, ABB; se non ci fosse stata la denuncia al Magistrato da parte di Abb, mi chiedo come possa essere motivato una tale procrastinazione di delittuoso comportamento, per altro verso una pluralità di commissionari, senza che, in più anni e sistemi di controllo aziendali interni siano riusciti ad intercettare alcunché...".

Anonymous said...

Nigerian Gate: l’ENI pagherà cash 254 milioni di $ al Department of Justice USA
Articolo/scoop tratto dal portale Indymedia al link:
http://piemonte.indymedia.org/article/7884

Negli Stati Uniti, dove la corruzione - specialmente quella finanziaria - si combatte per davvero e non a parole (come in Italia) per l’ENI è in arrivo una mazzata da paura. Per le tangenti in Nigeria pagate dal Consorzio TSKJ, l’ENI ha tempo fino a fine marzo 2010 per definire un’eventuale transazione, poi scattano i procedimenti giudiziari in USA e le sanzioni (pesanti). E poi ci sono anche le indagini in Italia. Ma quelle non impensieriscono nessuno.
Si decidevano le mazzette da versare ai politici nigeriani ed i destinatari nel corso di “incontri culturali”, all'ombra del Big Ben o sorseggiando un thè in quel di Backer Street a Londra. La “gang” dell'LNG (gas naturale liquefatto) meglio conosciuta come Consorzio TSKJ è purtroppo n'altra sciagurata joint venture - sarebbe meglio dire associazione per delinquere di stampo transnazionale - composta dall'italiana ENI/Snamprogetti/Saipem, l'americana KBR/Halliburton, la giapponese IGC e la francese TECHNIP.
Per non dilungarci oltre puoi leggere quì per un approfondimento:
“Tangenti in NIGERIA: eccome come l'ENI pagava!”
http://piemonte.indymedia.org/article/5988
Il Dipartimento di Giustizia USA avrebbe deciso di andare a fondo nella Nigerian Connection e punire esemplarmente tutti i corruttori del cartello. Ecco perché adesso l’ENI ha una fretta fottuta di chiudere i procedimenti americani prima che questi possano sortire effetti disastrosi. Lo scandalo come sapete ha coinvolto Snamprogetti Netherland BV (controllata direttamente dall’ENI) e ha tirato in ballo inevitabilmente l’ENI stessa, in quanto società quotata al NYSE e per “culpa in vigilando” rispetto alla sua controllata. Come ha osservato astutamente l’Avv. Massimo Mantovani - responsabile Ufficio Legale dell’ENI - in un Memorandum riservato circolarizzato ai vertici della società energetica in una recente del cda (che trovate di seguito riprodotto e trascritto) l’Eni è giustamente preoccupata anche per le “… le conseguenze mediatiche e reputazionali”. Il memorandum confidential di cui trattasi titola “Nota di Aggiornamento Indagini Vicenda TSKJ – Riservato”. Quando Paolo Scaroni (CEO dell’ENI) l’ha letto tutto d’un fiato e ha sudato freddo. S’è gelato il sangue nelle vEni. Detto in soldEni quì la cosa è grossa. Si tratta di scucire 240 milioni di dollari entro fine marzo 2010 al Department of Justice americano. Pena l’avvio dei procedimenti giudiziari ed il conseguente sputtanamento planetario (KBR ha già transatto con il DoJ per 600 milioni di $ cash e Technip/IDP idem con patate).
No problem ha esordito Scaroni “…si può ragionevolmente ritenere di poter accelerare le trattative col DoJ e con la SEC … con l’obiettivo di identificare entro il mese di marzo una possibile intesa…” (che problema c’è tanto Scaroni scucirà 240 milioni di $ di soldi pubblici mica di tasca sua … che gliè fotte).
I legali americani che hanno per le mani la patata bollente dell’ENI, i lawyer Sullivan & Cromwell, son stati perentori. O l’ENI paga cash – e senza tante discussioni - 254 milioni di $ al Dipartimento di Giustizia USA, o per l’ENI son cazzi amari. In tutti i sensi. continua ...

Anonymous said...

Segnalo volentieri 4 video ineditissimi ed intriganti che giungono da autorevoli fonti ENI.

Trattasi d’un meeting a porte chiuse tra i vertici dell'ENI riunito in conclave in una sessione dell'ENI CORPORATE UNIVERSITY. A ruota libera il top management parla di tangenti, corruzione e robe varie. Il mitico Prof. Giulio Sapelli si lascia andare anche ad alcuni commenti abbastanza clamorosi (tipo l'ENI in Iran e Algeria fomentava le rivoluzioni peccato che oggi non ci stia pensando "... a mio giudizio dovrebbe ancora farlo". Altra battuta carina "tutte le imprese cercano la corruzione e non la competizione (inclusa l'ENI) pure L'Italia è un paese naturalmente corrotto". E altre cose di questo genere.

Sono postati nel presente articolo:

"ENI fuori controllo: fomentiamo la rivoluzione in Iran”.

http://piemonte.indymedia.org/article/10468

il link diretto dei 4 video:

http://it.tinypic.com/r/nnktb6/7
http://it.tinypic.com/r/vevihv/7
http://it.tinypic.com/r/23sya8l/7
http://it.tinypic.com/r/qp13ir/7