Saturday, August 8, 2009

Punti di vista

(Foto: Gasdotti Nabucco (Unione Europea) e South Stream (Russia) a confronto. Fonte: eegas.com)


Sabato 8 Agosto l'AGi - Agenzia Giornalistica Italiana posseduta al 100% dall'Eni- riporta questa notizia, che evidentemente ritengono essere molto importante:

(AGI) – Rome, 7 August – La nostra più grande compagnia e' il maggior operatore per entrambi gli oleodotti South Stream e Samsum-Ceyhan, e questo e' un grande successo dice il primo ministro Silvio Berlusconi durante una conferenza stampa
[parlano della conferenza stampa monologo di 1 ora]. Abbiamo facilitato l'accordo tra Russia e Turchia per il South Stream, che sara' costruito al 50% da Eni... ...questo importante accordo che darà beneficio a tutta l'Europa, che avrà la garanzia di non rimanere al freddo grazie al South Stream... ...Questo sarà fatto evitando le rotte di paesi instabili quali l'Ucraina.


Per essere precisi, il South Stream e' una conduttura per il trasporto del gas e non del petrolio come lascia credere l'articolo. Sulle rivendicazioni di successo personale di Berlusconi, la Reuters ha invece una opinione diversa:

ISTANBUL/ROMA, 7 agosto (Reuters) ...L'accordo era già stato raggiunto quando il governo turco ha ricevuto una richiesta all'ultimo momento da parte di Berlusconi, che ha voluto partecipare alla cerimonia della firma ad Ankara con Putin e il primo ministro turco Tayyip Erdogan.... ...Il sito di Palazzo Chigi dice che la partecipazione della Turchia al progetto South Stream è "un successo personale del presidente del Consiglio". "L'accordo sulla realizzazione dell'oleodotto Samsun-Cheyan, rappresenta un altro successo della mediazione di Palazzo Chigi", si legge sul sito.


Come risponde Berlusconi alle critiche che arrivano dalla Turchia ? Semplice.... e' sempre colpa dell'opposizione, non importa quale partito o nazione sia:

"Saranno quelli dell'opposizione a Erdogan", ha replicato a Roma in una conferenza stampa a una giornalista italiana che citava la notizia della Reuters sulle perplessità della Turchia per il suo intervento al vertice.


Un interessante retroscena dell'accordo Russia-Turchia sul gasdotto e' riportato sul Corriere a firma di Franco Ventrini. Secondo quest'ultimo, il nostro premier fa il doppiogiochista e ha in realta' facilitato la creazione di un gasdotto che ci renderà ancora più dipendenti dal gas Russo. Se oggi l'Europa importa il 30% del gas dalla Russia, con il South Stream passeremo al 45%. Il problema e' che il South Stream potrebbe avere ripercussioni sul progetto concorrente Nabucco che doveva portare il gas in Europa senza coinvolgere la Russia, proprio per non dipendere troppo da una nazione sola e con comportamenti non sempre 'normali'.

Il Nabucco e' un progetto dell'Unione Europea, il South Stream e' un progetto Russo. Silvio da quale parte si schiera ? Dalla parte della Russia e dell'amico Putin. Silvio lo stratega.

Intanto lo stesso giorno e' una altra notizia che riguarda l'Eni a girare sul circuito internazionale delle Agenzie di stampa, notizia che in Italia non fa notizia:

MILAN, Aug 7 (Reuters)
Il gruppo energetico italiano Eni ha detto Venerdi' che non puo' escludere una conclusion AVVERSA alle indagini condotte dai magistrati milanesi nella questione dei presunti pagamenti IMPROPRI fatti dal gruppo TSKJ a certi ufficiali Nigeriani. L'indagine e' la parte italiana di una indagine internazionale su 182 mlioni di dollari in tangenti pagate dal 1994 al 2004 dal consorzio TSKJ per assicurarsi il contratto per costruire gli impianti per il gas liquefatto nigeriano. Il gruppo [TSKJ] era guidato dalla unita' della Halliburton KBR, che si e' dichiarata colpevole a Febbraio alle accuse USA per aver pagato 180 milioni di dollari.
Il gruppo [TSKJ] include anche Snamprogetti, una unita' dell'Eni, adesso controllata dalla subsidiaria Saipem (SPMI.MI), la francese Technip SA (TECF.PA) e ;a giapponese JGC Corp (1963.T). Eni dice che una conclusione AVVERSA "potrebbe avere un IMPATTO SIGNIFICATIVO sui risultati della compagnia", ma che "a questo punto e' impossibile quantificare le potenziali perdite". Questi comenti sono stati pubblicati come note al report semestrale della compagnia. Una udienza e' prevista per il 22 Settembre.

Meno male che Silvio c'e'.