Monday, December 21, 2009

Arriva il mostro Ombrina

Il 3 Dicembre la MOG ha sottomesso la Valutazione di Impatto Ambientale al ministero dell'Ambiente per Ombrina Mare (d30 BC MD), il mostro davanti a San Vito/Ortona. Vogliono mettere una piattaforma dove hanno già scavato prima e fare altri 4 pozzi per estrarre petrolio e gas. Se non ricordo male non erano più di 5km dalla costa.

Questa concessione non e' per la ricerca ma per la produzione. Se gli accordano il permesso, rimangono li per i prossimi 20-30 anni, e probabilmente con desulfuratore incorporato visto che a terra il centro oli non c'e'. Maggiori dettagli li sapremo dopo che avremo visto le carte.

La MOG conta di avere l'approvazione dal ministero entro luglio-agosto 2010, e avere la concessione entro la fine del 2010.



---------------------------

http://www.investegate.co.uk/Article.aspx?id=200912040700055809D

On 3 December 2009, the Company submitted the Environmental Impact Assessment Study ("EIAS") to the Italian Ministry of Environment. This submission follows the technical approval of the Ombrina Mare Field Development Plan by the CIRM committee of the Ministry of Environment, issued on 23 June 2009. MOG aims to have completed the environmental approval process by the third quarter of 2010, and is targeting the final grant of the full production licence by the end of 2010.




In addition, the Company remains on schedule with the execution of several key post-drilling technical studies. Initial results of these studies are encouraging and MOG is pleased to announce that it is planning to request a review and update of the independent certification of the field's oil reserves. The Company intends to publish the full certification report in the first quarter of 2010.




Background on Ombrina Mare Production Concession Application (d30 BC MD):




The application for the production concession to permit development of the Ombrina Mare Oil & Gas Field was submitted on 17 December 2008. It covers an offshore area of approximately 100 sq.km. in the central Adriatic Sea.




The Ombrina Mare field development plan ("FDP") has been designed by Proger SpA to produce the field's 20 MMbbls and 6.5 Bcf of certified 2P oil and gas reserves.




Oil is trapped in a Miocene and Cretaceous carbonate platform reservoir and gas is trapped in 16 reservoir horizons in the middle-upper Pliocene gas sands complex. The OM2dir well produced 17-19 °API oil at a rate of approximately 1,000 bbls/d, without any formation water. The OM2dir well was completed as an oil producer and a temporary platform has been put in place.




The proposed development plan comprises:




A single production platform at the OM2dir temporary platform location;

5 development wells (including the already completed and suspended oil producer OM2dir), two of which will have double completion for oil and gas;
1 FPSO plant designed for maximum oil production of 10,000 bbls/d and to store up to 50,000 tonnes of oil; and
A 12km submarine gas pipeline to connect gas produced from the Ombrina Mare area to an existing offshore gas production plant.



The current estimated capital expenditure for the FDP amounts to between €150 and €180 million, based on prices prevailing in 2008.




Under the FDP, gross oil and gas production from the main Ombrina Mare field is targeted to progressively increase to a peak of 5,000 to 7,500 bbls/d of oil and 3.5 MMcf/d of gas. In the Company's development scenario, production is now scheduled to start in late 2012 once all of the development wells have been drilled and the production facilities are in place.




An additional and contingent development plan has also been submitted in the application for the oil and gas production concession. This plan is directed at obtaining the approvals to appraise and explore the additional contingent and prospective oil and gas resources identified inside the Ombrina Mare production concession area and will be implemented once the main field is in production.

----------------------

http://www.smallcapnews.co.uk/article/Mediterranean_Oil_Gas_sets_sights_on_Guendalina_and_Ombrina_Mare/7952.aspx

Mediterranean Oil & Gas, the central Mediterranean-focused exploration and production group, today said it was hoping to get its hands on a production licence for the Ombrina Mare Oil & Gas Field by the end of 2010.

Mediterranean is chasing 2P reserves of 20 million barrels of oil and 6.5 billion cubic feet of gas on the 100%-owned, 100 sq km Ombrina offshore block in the central Adriatic Sea. It is hoping to have cleared the environmental approvals for its €150-€180 million field development plan by the third quarter of 2010.

At the Guendalina Gas Field, where Mediterranean holds a 20% stake and ENI holds 80%, the company is expecting government authorities to issue the Guendalina production concession by the year-end 2009. After that, field development activities should begin in January 2010.

Construction and installation of the production platform at Guendalina is scheduled to be completed in 2010; while the drilling of two development wells is planned in the first half of 2011, with gas production and associated revenues expected to commence prior to the end of June 2011.

Sergio Morandi, Mediterranean’s chief executive, said: “Guendalina and Ombrina Mare continue to produce excellent milestones that are propelling us towards our goal of becoming a medium sized oil and gas producer. In addition, the expected award by year-end 2009 of the Guendalina production concession allows the company to consolidate the development timetable and the forecast start-up of field production. The field's gas production will allow MOG to triple its current annual rate of net gas production.”

Elsewhere, Mediterranean and its joint venture partners, ENI and Total have decided to postpone until 2011the drilling schedule for the Monte Grosso 2 exploration well on the S.S. Bernardo permit in Italy.

At the S. Andrea Concession in Italy, where Mediterranean has a 40% stake and operates the Anzano gas field development project, the Anzano 1 production well is expected to begin gas production by the first quarter of 2010.

Finally, as part of a recent exploration portfolio review, Mediterranean said it now intended to relinquish or release a total of eight exploration permits in Italy and Tunisia.



-------------------------------

http://www.ibtimes.co.uk/articles/20091204/mediterranean-oil-gas-aims-to-triple-gas-production.htm

Mediterranean Oil & Gas hopes to triple its current gas production after the Italian economic development ministry issues a production concession for the Guendalina gas field.


The company expects to receive the concession by the end of this month and ENI, its 80% partner and operator, to start field development activities in January.

Construction and installation of the production platform is scheduled to be completed in 2010 and drilling of two development wells is planned for the first half of 2011.

Gas production and associated revenues are expected to begin before the end of June 2011.

MOG has also submitted an environmental impact study for the Ombrina Mare oil and gas field, where it is the 100% owner and operator. It is targeting the final grant of a full production licence by the end of 2010.

CEO Sergio Morandi said, 'Guendalina and Ombrina Mare continue to produce excellent milestones that are propelling us towards our goal of becoming a medium-sized oil and gas producer.

'In addition, the expected award by year-end 2009 of the Guendalina production concession allows the company to consolidate the development timetable and the forecast start-up of field production.

'The field's gas production will allow MOG to triple its current annual rate of net gas production.'



--------------------------------

http://www.proactiveinvestors.co.uk/companies/news/10982/mediterranean-oil-gas-to-update-ombrina-mare-reserves-after-encouraging-post-drill-study-results-10982.html

Mediterranean Oil & Gas (AIM: MOG) said its key projects in Italy made progress and reached new milestones, expecting to update the certification of the oil reserves at Ombrina Mare in early 2010 and secure a production concession for the Guendalina gas field by year-end.


MOG aiming to wrap up the environmental approval process for Ombrina Mare by the third quarter of 2010 and secure the full production license by the end of that year after submitting the environmental impact assessment study to the Ministry of Environment. Results from the currently ongoing several key post-drilling studies have been encouraging and MOG currently plans to request a review and update of the independent certification of the field’s oil reserves and publish the full certification report in Q1 2010.


The current estimated capex (capital expenditure) for the Ombrina Mare field development plan (FDP), which includes a total of five wells, a plant designed for oil production of 10,000 bbls/d (barrels per day) and a 12 km (kilometre) submarine gas pipeline, stands at between €150 and €180 million.


The Ombrina Mare FDP has been designed by Proger SpA to produce the field's 20 MMbbls (million barrels) and 6.5 Bcf (billion cubic feet) of certified 2P oil and gas reserves. Production is scheduled to start in 2012 and is expected to peak at 5,000 to 7,500 bbls/d of oil and 3.5 mmcf/d (million cubic feet per day) of gas.


Meanwhile, at Guendalina, a production concession from the Italian Ministry of Economic Development for MOG’s 20% owned Guendalina gas field is now expected by year-end 2009 with field development activities expected to start as soon as January 2010. The drilling of two development wells is slated for H1 2011, with gas production and associated revenues expected to commence prior to the end of June 2011.


Based on the study completed by Italian oil and gas giant ENI SpA (NYSE: E), which owns an 80% working interest in the field, the aggregate gas production from the field is expected to be 22 mmcf/d. The field has independently certified gas reserves of 22 bcf (billion cubic feet).


“Guendalina and Ombrina Mare continue to produce excellent milestones that are propelling us towards our goal of becoming a medium sized oil and gas producer. In addition, the expected award by year-end 2009 of the Guendalina production concession allows the Company to consolidate the development timetable and the forecast start-up of field production,” said Chairman and Chief Executive of MOG Sergio Morandi.


MOG has also provided updates from its two other projects, the 22.89% owned S.S. Bernardo permit, where the company and its JV (joint venture) partners ENI and Total postponed the drilling schedule for the MG (Monte Grosso) 2 exploration well to 2011 due to the unavailability of the EMSCO 3 rig. Site maintenance works are now planned for 2010 to prepare it for a well spud in 2011.


The Monto Grosso prospect has an expected oil resource of 64 mmbbls (million barrels) net to the company and gross resources of 280 mmbbls.


The Anzano 1 production well inside the MOG operated and 40% owned S. Andrea Concession is expected to commence gas production by Q1 2010. Under the field development plan, gross gas production at Anzano 1 is targeted to increase to a peak of 7,000 - 8,000 scm/day (standard cubic metres per day) with 2,800 to 3,200 scm/d net to MOG.


The company is currently reviewing its existing exploration portfolio to identify exploration permits with high risk and limited resource potential. MOG intends to relinquish or release a total of eight exploration permits in Italy and Tunisia following the review.

Friday, December 11, 2009

Invito a Son'ora




Dal 12 al 27 Dicembre si terrà a Sulmona (Aq) e in alcuni paesi della Valle Peligna un’iniziativa denominata Son’Ora, promossa dall’associazione culturale Zero-live, in collaborazione con la cooperativa sociale Nuovi orizzonti sociali.

La manifestazione è organizzata e programmata da un tavolo partecipato composto da ventidue associazioni locali ed è sostenuta da: Regione Abruzzo, Provincia di L’Aquila, Comunità Montana Peligna, Comune di Sulmona, Agenzia Promozione Culturale di Sulmona, Fondazione Carispaq, Cassa di Risparmio Provincia dell’Aquila.

Son’Ora è un progetto di ampio respiro che intende sostenere e promuovere la partecipazione attiva dei giovani e il dialogo tra associazioni della Valle Peligna. È un invito alla partecipazione, all’incontro, all’informazione dei cittadini su tematiche ambientali locali e globali, dove anche gli aspetti sociali e culturali si inseriscono, inevitabilmente.

Son’Ora è un contributo alla coscienza e alla conoscenza.

Le numerose attività previste nel programma sono riconducibili a tre settori-contenitori che abbiamo chiamato:

* Scolasticambiente: percorsi didattici e di laboratorio per le scuole.
* Approfonditambiente: ciclo di incontri pubblici dai contenuti scientifico-divulgativi.
* Festivambiente: feste popolari denominate Ronde della gioia (nei Comuni di Pratola Peligna, Corfinio, Anversa degli Abruzzi e Bugnara)

Guardiamo le scuole come il principale punto di partenza per sensibilizzare i bambini e i ragazzi sulle tematiche ambientali e in particolar modo sul risparmio energetico, le fonti rinnovabili e il riciclaggio dei rifiuti.

La mostra di didattica ambientale M.i.d.a., il Mario Negri Sud Officina, lo staff Son’Ora Lab. e il gruppo teatrale InCanto stimoleranno le scolaresche con percorsi didattici, proiezioni, laboratori artistici e improvvisazioni teatrali.

Per quanto riguarda il secondo “contenitore”, quello di approfondimento, parteciperanno all’iniziativa, con propri interventi tematici, importanti nomi d’ambito scientifico come: Giovanni Tognoni (Direttore Consorzio Mario Negri Sud), Tommaso Pagliani (Responsabile del Dipartimento di Scienze ambientali del Consorzio Mario Negri Sud), Antonio Moretti (Docente di geologia regionale e sismotettonica presso l’Università dell’Aquila), Maria Rita D’Orsogna (Ricercatrice presso la California State University di Los Angeles).

Saranno anche presenti esperti di settore e professionisti come Mauro Latini, Alessio Ciacci, Oreste Federico, Renato Di Nicola, Roberto Ranalli, Mariella Di Lallo. Interverranno inoltre i rappresentanti delle Istituzioni Teresa Nannarone, Antonio Carrara, Mauro Tirabassi.

Proiezioni:

o Oil, di Massimiliano Mazzotta, film.
o La petrolizzazione in Abruzzo, di Maria Rita D’Orsogna, docuclip.
o Il futuro dell’Abruzzo, video Vanguard Current tv.

(in collaborazione con Agenzia 21, Associazione internazionale medici per l’ambiente, Arci, Casa per la Pace, Comitati cittadini per l’ambiente, Cittadinanzattiva - Tribunale del malato)

Saranno inoltre aperte al pubblico, dal 15 al 19 dicembre, la mostra di didattica ambientale M.i.d.a., la postazione informativa allestita dalla locale Agenzia per la promozione culturale, la mostra di arti visive rassegnARTI?, il mercatino Bio e la Bottequa.

Il terzo aspetto, quello più ludico e creativo è corredato da numerose e articolate attività mirate all’animazione culturale di alcuni paesi come Pratola Peligna, Anversa degli Abruzzi, Bugnara e Corfinio.

Le attività proposte possono sinteticamente riassumersi in:

* feste popolari con danze e musica tradizionale abruzzese, teatro, animazione per bambini, mercato contadino;
* rassegna rock Emissioni sonore;
* mostra del giocattolo di tradizione I percorsi della memoria;
* concorso video-fotografico per under 19 Ri-scatta il territorio;
* corsi di danza tradizionale abruzzese;
* concerto del gruppo Marta sui tubi.

(in collaborazione con Movimento Zoe, Giro di vento, Sulmonacinema, Fantacadabra, Horizon service, Nuove Frontiere)




Son’Ora

12-27 dicembre 2009






Calendario

Dal 12 Novembre: Concorso video-fotografico under 19 Ri-scatta il Territorio, info sonooora@gmail.com.

Dal 26 Novembre:Corsi di danza tradizionale abruzzese, Anversa degli Abruzzi e Bugnara. Info: www.movimentozoe.com .


Scolasticambiente
per scuole elementari e medie
Martedì 15 – Mercoledì 16 - Giovedì 17 dicembre


Cinema Pacifico, Sulmona, h 9-13/14-16:

* Mario Negri Sud Officina: Microcosmo albero, conversazione scientifico-divulgativa su ambiente e bio-diversità con Federica Piccoli, ricercatrice, Centro di Scienze Ambientali Mario Negri Sud.
* Per fare un albero ci vuole un bimbo.

Ambientazione teatrale introduttiva al film. A cura di Gruppo Incanto.

* Mario Negri Sud Officina: Proiezione del film di animazione L’uomo che piantava gli alberi di Frederic Back.
* Visita guidata M.I.D.A. – Mostra itinerante di didattica ambientale.

La mostra si propone come uno strumento per la sperimentazione concreta delle tematiche legate al risparmio energetico, all’uso delle fonti energetiche rinnovabili e alla riduzione dell’impatto ambientale delle attività umane.


Centro Giovani, via dei Sangro, Sulmona,h 9-13/14.30 16:


L’altra vita degli oggetti. L’utilizzo degli oggetti di uso quotidiano nelle opere d’arte ed il loro ri-uso creativamente consapevole.

Lezione-laboratorio finalizzato alla costruzione di opere con oggetti di riciclo.

A cura di Cinzia Curini, Paola Pascale, Benedetta Daniele.



Approfonditambiente
Da Martedì 15 a Venerdì 18 dicembre
Cinema Pacifico, Sulmona

Martedì 15 dicembre, h. 17.30:
Incontro pubblico: Tutela ambientale in Valle Peligna:che aria tira?
Introduzione di Mario Pizzola, Comitati cittadini per l’ambiente

Relatori:
* Tommaso Pagliani , Responsabile del Centro di Scienze Ambientali del Consorzio Mario Negri Sud: Presentazione di un modello di studio per il monitoraggio ambientale e sanitario della qualità dell’aria nella Valle Peligna.
* Roberto Ranalli, Medico ospedaliero Oncoematologo: Attività ed industrie insalubri: quali rischi per l’ambiente e la salute nella Valle Peligna.
* Interventi degli amministratori locali: Teresa Nannarone Assessore Promozione Sociale e Turismo Provincia dell’Aquila; Antonio Carrara Presidente Comunità Montana Peligna; Mauro Tirabassi Assessore all’Ambiente Comune di Sulmona.

Mercoledi 16 dicembre,
h. 16.30
: Docuclip a cura di Maria Rita D’Orsogna, Ricercatrice presso la California State University di Los Angeles, USA.

h. 17.30: Incontro pubblico: Sismicità e Sicurezza del territorio
Introduzione di Antonio Franciosa e Riccardo Verrocchi, Comitati cittadini per l’ambiente e Circolo Arci Maurizio Padula.

Relatori:
* Antonio Moretti, Docente di Geologia regionale e sismotettonica dell'Università dell'Aquila:
Il rischio sismico nell’Appennino e nella Valle Peligna: quale prevenzione per la sicurezza delle popolazioni?
* Renato Di Nicola, Portavoce Abruzzo Social Forum: Ricostruzione mediatica e sospensione della democrazia: dal terremoto dell’Aquila un modello per la gestione delle catastrofi.

Giovedi 17 dicembre h. 17.30:

Incontro pubblico: Cittadini Domani…lavori in corso. Regole e legalità. Progetto e laboratorio di dialogo delle scuole, per e con la società.
Introduzione di Pasquale Iannamorelli, Casa per la Pace.

Relatori:
* Giovanni Tognoni, Direttore del Consorzio Mario Negri Sud e Segretario del Tribunale Permanente dei Popoli;
* Mariella di Lallo, Insegnante di Chimica presso l’Istituto Tecnico Commerciale E. Fermi, Lanciano;


Venerdì 18 Dicembre h. 17:30:
Incontro pubblico: Sostenibilità: dai principi alla realizzazione
Introduzione di Nicola Trinchini e Chiara Maiorano, Agenzia 21 per lo sviluppo sostenibile, Sulmona.

Relatori
* Mauro Latini, Coordinatore regionale Programma Agenda 21 Abruzzo:In cammino verso una società sostenibile;
* Alessio Ciacci Assessore all’Ambiente di Capannori (Lu) e Vicepresidente Città Virtuose: Le buone pratiche degli Enti locali per lo sviluppo sostenibile;
* Oreste Federico, Responsabile funzione sviluppo Co.ge.sa. s.r.l: Lo smaltimento delle convinzioni ed il recupero dei materiali.


Da Martedì 15 a Venerdì 18 dicembre
Cinema Pacifico, Sulmona, h 9-20:30:

# LiberAmbiente, mostra libraria e di risorse elettroniche, a cura dell’ Agenzia per la Promozione Culturale
# rassegnARTI?, mostra d’arte contemporanea a cura di Marco Maiorano;
* h 16.30 caffé solidale e docuclip tematico di pre-conferenza
* M.i.d.a. Mostra di didattica ambientale
* Aperitivo solidale
* Mercatino Bio
* Tricot Plastique, laboratorio di creazioni all’uncinetto con l’utilizzo delle buste di plastica.





Festivambiente

Sabato 12 dicembre: Pratola Peligna – Street by street
In collaborazione con Nuove frontiere

Sabato 19 Dicembre: Emissioni sonore rassegna rock
In collaborazione con Ass. Cult. Giro di Vento. Cinema Pacifico, Sulmona




La Ronda della gioia

Domenica 20 dicembre: Anversa degli Abruzzi
Lunedì 21 Dicembre: Bugnara
Mercoledì 23 dicembre: Corfinio

Da mattina a sera:
* Laboratori e workshop;
* Mercato contadino e artigianale;
* Enogastronomia e prodotti tipici;
* Teatro;
* Musica e danza tradizionale abruzzese;
* Mostra del giocattolo di tradizione: I Percorsi della Memoria,

dal 17 al 20 Dicembre presso il Comune di Anversa degli Abruzzi, a cura di Horizon Service.

In collaborazione con Movimento Zoe, Zero-Live, Fantacadabra.
* QUANTO COSTA AGLI ALTRI IL NOSTRO TENORE DI VITA!
Durante la manifestazione Son’Ora saranno allestite biciclette connesse a generatori di corrente dove ognuno potrà testare (pedalando) la propria capacità di produzione energetica. A cura di Paolino Boldone


L’Abruzzo petrolizzato
Giornata conclusiva
Domenica 27 Dicembre – Sulmona
Cinema Pacifico

Dalle ore 17.30:
* Premiazione concorso video-fotografico “Ri-scatta il territorio” e proiezione delle opere selezionate;
* Proiezione del film-documentario Oil.
* A seguire incontro con il Regista Massimiliano Mazzotta e con Maria Rita D’Orsogna, ricercatrice presso la California State University di Los Angeles, USA.
* Concerto: Marta sui tubi (ingr. 10 euro)




Contatti: sonooora@gmail.com / +39 340 7066402.

Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito, tranne il concerto finale.

Monday, December 7, 2009

Legambiente e WWF sulla legge regionale

COMUNICATO STAMPA

LEGAMBIENTE e WWF esprimono soddisfazione per la proposta di legge della Giunta regionale

Buona la risposta per la situazione a terra. Indispensabile la redazione di un Piano di Gestione Integrata della Zona Costiera

Appello al Consiglio regionale per un miglioramento del testo di legge e per un’espressione di unanimità di voto

Pescara, 07.12.2009.
L’Abruzzo delle qualità contrapposto alla deriva petrolifera regionale. Questa mattina Legambiente e WWF hanno tenuto a Pescara una conferenza stampa sulla proposta di legge regionale “Provvedimenti urgenti a tutela del territorio regionale” avanzata dalla Giunta regionale, su iniziativa del presidente Gianni Chiodi, a contrasto della petrolizzazione del territorio abruzzese.
Le associazioni, rappresentate da Angelo Di Matteo, presidente di Legambiente Abruzzo, e Dante Caserta, consigliere nazionale di WWF Italia, hanno espresso un giudizio di carattere politico favorevole sull’iniziativa di legge che, in maniera chiara, contrappone alla deriva petrolifera regionale l’Abruzzo delle qualità. Il confronto tra le aree interessate da richieste di concessione per ricerche ed estrazioni di idrocarburi e le aree sulle quali la proposta di legge esclude tali attività evidenzia, infatti, la volontà dell’Abruzzo di non lasciare spazi alla deriva petrolifera.
«Si tratta di un provvedimento importante – sottolineano i rappresentanti dei due sodalizi ambientalisti – che, a poco più di venti giorni dalla scadenza della moratoria stabilita dalla Legge Regionale n. 14 del 2008, mette di nuovo freno agli interessi delle compagnie petrolifere ed al progetto del Centro oli dell’Eni di Ortona. La proposta assume un valore politico rilevante in quanto, la regione Abruzzo ribadisce una scelta di campo che non pone dubbi sulla vocazione territoriale regionale in quanto, le attività di sfruttamento del sottosuolo sono vietate proprio a tutela della pianificazione esistente, dell’ambiente naturale e dell’agricoltura di qualità e del principio di precauzione sul rischio sismico ed idrogeologico».
Da un punto di vista tecnico le Associazioni, dopo aver analizzato nel dettaglio i contenuti, hanno espresso la necessità di integrare e migliorare la proposta di legge in sede di discussione in Consiglio regionale in quanto la norma presenta alcune imprecisioni terminologiche, non risolve il problema delle concessioni di estrazioni già rilasciate e, soprattutto, non reca alcun riferimento alla situazione a mare, dove gli interessi delle compagnie petrolifere sono maggiori e più pressanti.
Lo strumento per bloccare anche a mare il proliferare di piattaforme estrattive può essere individuato nel Piano di Gestione Integrata della zona costiera.
«La Regione deve impegnarsi – continuano i rappresentanti delle due associazioni – a redigere il Piano di Gestione Integrata della zona costiera, strumento previsto dalla disciplina comunitaria e nazionale, capace di valutare nello specifico anche gli influssi delle attività petrolifere sul sistema costiero. È necessario costituire un modello partecipativo di stampo europeo che metta allo stesso tavolo interessi e competenze: le intese così costruite potranno preparare la strada ad un piano integrato di gestione».
Attraverso l’introduzione nella legge di un nuovo articolo, la Regione può impegnarsi a predisporre tale strumento entro tempi brevi e certi, disponendo, nelle more della sua approvazione, una moratoria che blocchi gli iter autorizzativi avviati.
Purtroppo, da un lato, i ritardi con cui si è intervenuti, dall’altro, la volontà del Governo italiano di individuare nell’Abruzzo un distretto minerario, hanno reso la situazione estremamente complessa, per cui è necessario dare un segnale politico forte ed inequivocabile nella direzione manifestata da tempo da cittadini, comitati, associazioni ambientaliste, associazioni di categoria, enti locali, realtà produttive.
«Sappiamo che anche altre forze politiche stanno predisponendo proposte di legge in questa direzione - hanno aggiunto i rappresentanti di Legambiente e WWF – Questo è sicuramente un bene perché nella discussione in Consiglio Regionale si potrà migliorare il testo presentato dal Presidente Chiodi. Tutti devono collaborare per giungere ad una legge condivisa, confermando quell’unità che, nonostante i distinguo di merito, non mancò al momento dell’approvazione della precedente legge regionale poi impugnata dal Governo Berlusconi».
Nella discussione del Consiglio si potrà ribadire anche la necessità di dotare la Regione di tutti quegli strumenti di pianificazione (Piano Energetico Ambientale Regionale) e di valutazione (ambientale, strategica e sanitaria), indispensabili per consolidare la scelta di mantenere l’Abruzzo una regione libera dal petrolio.
La mobilitazione della società abruzzese è ad un passo dal segnare un nuovo importante punto a tutela del territorio, come era già accaduto con il terzo traforo del Gran Sasso, la distribuzione di acqua dai campi pozzi a valle della megadiscarica di Bussi o con il prelievo di acqua da fiumi abruzzesi per venderla alla Puglia: è ora indispensabile compiere un ulteriore sforzo per rendere realtà le volontà manifestate e gli impegni assunti.

Dante Caserta 335.8155085
Angelo Di Matteo 347.8489363

Mappe Disegno Di Legge Regione Abruzzo 30-9-2009

Thursday, December 3, 2009

Il punto

Mentre si continua a discutere delle molte ombre legate al proposto disegno di legge regionale varato dalla giunta Chiodi, procede imperterrita l'avanzata dei petrolieri.

Il progetto legge proposto dalla giunta regionale non pone alcun divieto alle opere petrolifere nel mare, non protegge molta parte della costa abruzzese - che e' anche la zona di maggior interesse petrolifero - e soprattutto non si pronuncia sull'estrazione di gas o di idrocarburi nel suo complesso. La legge riguarda infatti
gli "oli combustibili" che sono solo un derivato industriale dell'estrazione e del raffinamento di idrocarburi. Gli oli combustibili non si estraggono, si producono.

Nel frattempo la ditta irlandese Petroceltic ha appena presentato due nuovi progetti per trivellare altrettanti pozzi petroliferi nel mare fra Vasto e Casalbordino, a 5 km dalla Riserva Naturale di Punta Aderci e a meno di un chilometro da una zona di ripopolamento ittico finanziata dalla comunita' europea. Sono le concessioni denominate d495 BR-EL e d492 BR-EL.

La stessa Petroceltic aveva gia' avanzato la richiesta di trivellare il mare a 6.5km da Ortona, in collaborazione con la ditta canadese Vega Oil. In quella occasione la rete di Emergenza Ambiente Abruzzo ha inviato oltre 20 osservazioni al ministero, offrendo il proprio supporto tecnico anche alla Provincia di Chieti.

Emergenza Ambiente Abruzzo e' un gruppo che raccoglie oltre sessanta associazioni civili, culturali e ambientali. In questa occasione rivolgiamo un appello a tutti i cittadini e le associazioni d'Abruzzo che volessero partecipare alla stesura di documenti da inviare al ministero a contattarci all'indirizzo emergenzaambiente@libero.it.
Vogliamo mandare un segnale forte e chiaro al Ministero dell'Ambiente per dire che la popolazione abruzzese e' compatta ed unita contro tutti i progetti petroliferi, nel nostro mare e nella nostra terra.

In particolar modo si incoraggiano a scrivere al Ministero gli operatori turistici e i ristoratori della zona, le associazioni ricreative, culturali o sportive, scuole, biologi, amanti del mare, accademici, scrittori, ingegneri e amministratori locali. Tutti sono bene accetti.

Il processo per democraticamente far sentire la propria voce al Ministero e' semplice, occorre solo la buona volonta'. EAA sara' di supporto nel fornire materiale di spunto e gli indirizzi ministeriali appropriati a cui inviare le proprie osservazioni o pareri.

Wednesday, December 2, 2009

Disegno di legge del 30 Nov 2009

Copia del disegno di legge presentato dal presidente Chiodi. Cerchero' di avere una versione piu' leggibile piu' avanti. Grazie Fab.


Disegno Di Legge 30 Nov 2009 - Regione Abruzzo

Tuesday, December 1, 2009

Una prima, piccola vittoria

Riprendo da PrimaDaNoi.it un articolo di oggi invitando comunque tutti alla calma e a non credere che sia tutto finito qui. L'Adriatico non e' ancora salvo e bisogna ancora capire quali zone del territorio sono rimaste scoperte. I petrolieri sono sempre molto bravi a cercare scorciatoie e sotterfugi per aggirare leggi e impedimenti. Certo e' un passo avanti, molto importante e dice che siamo sulla strada giusta.


No al Centro Oli: la prima vera vittoria degli attivisti

ABRUZZO. L’ombra nera del petrolio che spazza via l’immagine del verde Abruzzo? Forse oggi è più lontana. Forse non è mai stata così lontana.

Proprio lo scorso anno di questi tempi la battaglia ambientalista e di civiltà, della trasparenza e per la partecipazione popolare alle scelte fondamentali del territorio, aveva il suo picco.
Numerosi cortei, proteste, il tam tam sul web con siti e blog, passaparola e Facebook per far passare il messaggio che il petrolio da queste parti forse avrebbe cancellato decenni di lavoro sul turismo e l’agricoltura.
La storia del petrolio in Abruzzo però inizia quasi dieci anni fa.
Mentre a New York cadevano le torri gemelle a Roma si firmavano i documenti che avrebbero dato il via ufficiale alla costruzione ad Ortona del famoso Centro Oli, una mini raffineria che sarebbe dovuta diventare il centro di un indotto che comprendeva la zona industriale ortonese e pescarese-chietina ed il porto di Ortona.
In realtà pochi mesi prima dell’11 settembre la cittadinanza fu informata con molti articoli di giornale della notizia, nuova anche questa, del petrolio in abbondanza sotto i vigneti del montepulciano tra Ortona, Miglianico e Tollo.
All’epoca sembrò una grande notizia perché da subito si iniziò a parlare delle royalties, cioè dei milioni di euro che sarebbero arrivati nelle casse degli enti pubblici che avrebbero così potuto migliorare servizi e costruire nuove opere pubbliche.
Nessuno aveva ancora pensato al reale significato di tutto quanto.
Del petrolio non si parlò molto fino al 2007, quando la pratica amministrativa sul Centro Oli sembrò riemergere dall’ombra.
Verso la fine di quell’anno si erano fatti maturi i tempi per le approvazioni urbanistiche nel consiglio comunale, approvazioni che giunsero i primi mesi del 2008.
Ma fu proprio l’ordine del giorno del consiglio comunale ortonese a dare la scossa a quanti si erano dimenticati dell’Eni.
E' stato probabilmente questo il momento decisivo e fondamentale di tutta la storia: la gente scoprì solo allora che Regione, Provincia e Comune erano andati avanti con le riunioni ed i tavoli tecnici approvando il progetto ma non informando la cittadinanza che forse voleva sapere e dire la propria.
Anche lo stesso sindaco Nicola Fratino (Pdl) in più occasioni ha ammesso come la sollevazione popolare sia stata scatenata anche da una cattiva o insufficiente informazione, indicando però come responsabili l’Eni e non gli enti pubblici.
Dal 2008 è iniziata, dunque, una battaglia serrata per l’ambiente che è riuscita a calamitare tantissime persone che si sono mobilitate in comitati, associazioni e organizzazioni, che sono riusciti, come mai prima era successo a far sentire la loro voce a chi amministra il territorio.
Cortei, manifestazioni, striscioni, documentari, interviste e programmi televisivi e poi finalmente articoli di giornale sulla stampa nazionale ed internazionale per attirare l’attenzione del mondo su questa regione che in pochi conoscevano e solo per il verde e le montagne.
La poca trasparenza nella vicenda Centro olio è probabilmente stata la causa della sempre civile protesta, alimentata da indizi e prove di piccoli e grandi conflitti di interessi, di chi aveva vantaggi a soffocare la legittima paura della gente o a premere attraverso enti o istituzioni eterodiretti.
Conflitti di interessi che non hanno fatto bene alla politica e al rapporto con la gente: in Abruzzo la Casta voleva cambiare il volto al territorio per guadagno. E basta.
Poi la politica non ha potuto fare a meno di fare un passo indietro con l’approvazione lo scorso anno di una legge che bloccava per 12 mesi la costruzione di attività insalubri.
Ieri l’approvazione in giunta di un progetto di legge che dovrà essere approvato in consiglio. Non ci sono possibilità che una legge del genere non passi e non venga approvata.
Per quanto riguarda i pozzi e le piattaforme sono vietate in zone precise e particolarmente tutelate.
E’ possibile probabilmente ancora costruirne ma non dappertutto.
Rimane l’incognita del governo e del reale valore della legge abruzzese: servirà davvero a bloccare il petrolio o siamo solo all’inizio di una nuova stagione di contrapposizioni tra cittadini e governo?
Se c’è, però, una cosa che gli abruzzesi dovrebbero imparare da questa vicenda è che l’unione fa davvero la forza e non c’è scelta che il cittadino (che dovrebbe essere sovrano in questa Repubblica) non possa realmente prendere.
Il merito di certi risultati allora non può non essere del popolo che si è attivato ed ha sempre detto no al Centro Olio. Divisioni, egoismi e personalismi non servono e sono un'altra storia.

01/12/2009 9.27