Saturday, July 24, 2010

BP: Sempre più giù

Dopo il disastro del Golfo del Messico la BP ci riprova ancora, questa volta pero' a nel cortile di casa nostra, nel nostro Mediterraneo.

Deve essere come un gioco per loro, hanno fallito clamorosamente la prima volta a 1500 metri di profondità e ora rilanciano a 1700 metri di profondità, a largo della Libia a 500 km di distanza dall'Italia. Si tratta del Golfo delle Sirte.

Per la BP contano solo i soldi, per il resto credono che sia un videogame: "Ritenta sarai più fortunato". E loro ci riprovano nonostante sia chiaro agli occhi del mondo che non hanno nessuna idea di come affrontare un evento inaspettato a quella profondità.

Inutile dire che faranno tutti i loro finti studi per dire che tutto andrà bene anche se tanto sappiamo che alla fine e' una lotteria e che l'unica cosa da fare e' incrociare le dita.

E il nostro governo ? I politicanti che fanno ? Sara' in grado qualcuno di protestare con la Libia ? Ma perché mai ? Il dittatore fa quello che vuole, tanto lui e il clown di Arcore sono amici. Che problema c'e' ? Le operazioni di scavo inizieranno tra qualche settimana mentre gli italiani saranno al mare.

Va sempre tutto bene quando ci sono di mezzo i petrolieri, tanto poi taroccano un po' di foto, ricoprono un po' di petrolio sulle spiagge con la sabbia nuova e sono tutti felici e contenti.

Fonte: Corriere, Repubblica.it

No comments: